Salta al contenuto principale

Ladri incappucciati Meano

Ripresi dalle telecamere

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 55 secondi

Vestiti di nero, alti e magri, cappucci in testa e zainetti sulle spalle. Erano tre i malviventi che giovedì sera hanno preso di mira un'abitazione in via della Fornace a Meano. Sono stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza della casa, mentre tentavano di entrare. L'allarme li ha fatti fuggire e subito è partita la caccia alla banda, vista scappare in via don Giacomo Trentini. I ladri sono entrati in azione dopo le 22, con il favore del buio. Abiti scuri e volto coperto per rendersi irriconoscibili, e pure la targa oscurata dell'auto - una vettura tedesca - per rendere difficile l'identificazione. Insomma, «professionisti» del furto pronti ad entrare in azione con zainetti per trasportare gli arnesi da scasso e per nascondere la refurtiva.

In collina e lungo le strade che portano verso nord (questa la direzione che avrebbe preso la vettura, secondo telecamere e testimonianze) si sono portate le auto della polizia, mentre una volante si è lanciata all'inseguimento verso Lavis. Sono stati predisposti posti di controllo, anche con la collaborazione dei carabinieri. La «caccia all'uomo» è proseguita per alcune ore, con la descrizione dell'auto sospetta su cui si sarebbero allontati i ladri, anche se non si esclude che i tre si siano divisi scappando a piedi attraverso i campi. La presenza delle forze dell'ordine non è passata inosservata nel sobborgo, in piazza, all'entrata del parco di Villa Zanatta, nella via in cui hanno tentato il furto e strade limitrofe, come testimoniano i messaggi che si sono scambiati i residenti via social.

La sera prima le forze dell'ordine erano intervenute in via Volta, a Trento sud, per un altro tentativo di furto: ad entrare in azione «ladri acrobati» che si sono arrampicati fino al secondo piano di un edificio, e dal balcone con arnesi da scasso hanno provato a forzare la portafinestra dell'appartamento. Il «colpo» è sfumato. Nell'abitazione infatti erano presenti i proprietari, che sentendo un rumore strano si sono precipitati sul balcone mettendo in fuga i malviventi.
Mentre polizia e carabinieri invitano le persone a segnalare sempre movimenti strani o personaggi sospetti, dall'analisi dei dati raccolti dal Dipartimento di pubblica sicurezza del ministero degli Interni - con la rielaborazione dell'ufficio centrale di statistica - emerge che i furti denunciati sono sempre meno. Nel 2016 in Trentino i furti in abitazione sono stati 1.542, contro i 1.603 dell'anno precedente, mentre a Bolzano sono stati 929.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy