Salta al contenuto principale

Zecche e vaccino Tbe boom di richieste

Primi posti liberi a fine giugno

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

Boom di richieste per il vaccino contro la Tbe (encefalite da zecca), gratuito da inizio anno per tutti i residenti in Provincia di Trento. Tanto che all'ufficio igiene e sanità pubblica di Trento, ieri, non era possibile fissare alcun appuntamento per ricevere la prima dose di vaccino (che viene somministrato in tre dosi). I posti disponibili sono esauriti con appuntamenti in calendario fino a fine giugno. E l'invito che gli adulti interessati a vaccinarsi ricevono dalla segreteria è quello di inviare una mail per essere poi inseriti in lista d'attesa e successivamente ricontattati.

La conferma dell'impennata nelle richieste di vaccino contro la Tbe arriva dal dirigente del Dipartimento di Igiene e sanità pubblica Valter Carraro. «Circa 2.000 persone, dallo scorso gennaio, hanno richiesto di vaccinarsi - spiega - E questo, certo, in virtù della disponibilità gratuita del vaccino. Ma anche a causa di una maggior consapevolezza del rischio di pericolosità in caso di puntura di zecca». Carraro sottolinea che un forte incremento in termini di richieste si è registrato proprio nelle ultime settimane. «A Trento - prosegue - siamo a fine giugno con la lista delle prenotazioni. Anche se ciascun servizio vaccinale dislocato sul territorio provinciale ha le sue tempistiche di "assorbimento" delle richieste».

Quindi, a Trento (ma probabilmente in molte altre zone del Trentino) non è possibile fissare la data per il vaccino anti-zecca. Ed il motivo non è certo legato alla carenza di dosi vaccinali. «Il vaccino è disponibile - dice Carraro - Se gli appuntamenti non vengono fissati il motivo è da imputare a motivi di natura organizzativa. Infatti, i servizi vaccinali sono molto impegnati a causa della campagna di recupero delle vaccinazioni pediatriche ed a causa dei colloqui con i genitori dei bambini non vaccinati». Insomma, non è il vaccino ad essere esaurito, ma gli operatori del servizio ad essere oberati su altri «fronti». In tal senso va sottolineato che, per quanto riguarda il vaccino anti-zecca in età pediatrica, non sembrano esserci grosse problematiche nel determinare ora e data per la somministrazione della prima dose.

«Per evitare un eccessivo stato di allarmismo da parte dei cittadini - puntualizza Carraro - è importante ricordare che non tutte le punture di zecca portano con sé la malattia di Lyme o l'encefalite. Si tratta solamente di un numero ridotto di casi». In caso di puntura di zecca è fondamentale rimuovere velocemente l'animale. «Eliminandolo entro 12 o 24 ore dalla puntura - afferma - il rischio di contrarre una delle due patologie è pressoché azzerato». Sul sito dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari si trova un opuscolo informativo che spiega come rimuovere la zecca dalla pelle con un paio di pinzette.

Carraro ricorda che nelle quattro settimane successive alla puntura è bene prestare attenzione all'eventuale insorgenza di febbre o malessere, piuttosto che all'insorgenza di macchie sulla cute. «È opportuno puntare su comportamenti precauzionali - conclude - Come quelli di evitare il contatto diretto con piante ed erba, vestirsi con abiti coprenti di colore chiaro, indossare cappello e scarpe chiuse, applicare sulla pelle scoperta prodotti repellenti per insetti e spruzzare sugli abiti composti a base di permetrina. Al termine dell'escursione è consigliato un attento esame della propria cute».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy