Salta al contenuto principale

Vaccini, su le coperture

Aumento dell'1% e del 4%

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
5 minuti 16 secondi

L’obbligo vaccinale, in Trentino, ha portato in media ad un aumento delle coperture di circa l’1%. L’aumento maggiore si è avuto nella copertura del morbillo passata dall’87,43% del 2016 al 91,68% del 2017. I dati emergono dal monitoraggio sull’impatto dell’introduzione dell’obbligo vaccinale e sono stati illustrati in una conferenza stampa al Ministero della Salute in occasione della settimana europea delle vaccinazioni che si celebra dal 23 al 29 aprile.
Secondo i nuovi dati, che monitorano l’effetto dell’obbligo nei primi 6 mesi, ovvero fino a dicembre 2017, la prima dose di vaccino contro il morbillo vede una crescita a livello nazionale delle coperture del 4,42% rispetto all’anno precedente, una sola regione che supera il 95%, il Lazio, e altre due che vi si avvicinano, ovvero Piemonte e Umbria, con rispettivamente il 94,7% e 94,5.

Trainate dal generale aumento delle vaccinazioni obbligatorie, crescono a livello nazionale anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni non obbligatorie, come quella anti-pneumococcica e anti-meningococcica C, con un aumento rispettivamente di circa il 2 e 2,5%.

In Trentino la soglia del 95%, valore che permette l’immunità di gregge, non è stata raggiunta per nessuna vaccinazione. Il dato migliore, nella coorte di nascita 2015 per i bimbi di 24 mesi, si ha per il tetano (94,1). Guardando i vari distretti, però, si scopre che per la vaccinazione sul tetano, nel distretto Ovest, l’obiettivo del 95% è stato centrato e mancano pochi centesimi anche per Polio, Difterite, Pertosse ed Epatite. Restringendo maggiormente l’area il 95% è superato nella zona della Bassa Valsugana per gran parte delle vaccinazioni obbligatorie e così anche in val di Sole. L’adesione più bassa, invece, si ha in Vallagarina.

Nei dati diffusi dal ministero, oltre all’aggiornamento delle coperture vaccinali a 24 mesi, sono contenute anche quelle a 36 mesi, 48, 5-6 anni, 8, 18 e 18. Questo per aggiornare se eventuali inadempienti si sono poi messi in regola con le vaccinazioni, anche se in ritardo. Le coperture vaccinali nazionali a 36 mesi, relative ai bimbi nati nel 2014, permette infatti di monitorare la quota di bambini inadempiente l’anno precedente e recuperati.

Per quanto riguarda la polio, la copertura nazionale a 24 mesi vede un aumento del +1,21% rispetto al 2016, e con 11 regioni che superano il 95%. A non raggiungere questa soglia sono: Lombardia (94,8), Emilia Romagna (94,7%), Puglia (94,4) e Val d’Aosta (93,6), Provincia di Trento (93,9), Marche (93%), Sicilia (91,3%), Friuli Venezia Giulia (90,4) e, la peggiore, la Provincia di Bolzano (85,8%), Veneto (93,5%).

Ancora vulnerabile, soprattutto per quanto riguarda il morbillo, la fascia dei 18enni dove la copertura in Trentino è dell’88,77 per cento per la prima dose e del 73,30 % per la seconda dose. Percentuale del 70 per il meningococco C.
Dal 1 gennaio al 28 febbraio 2018, 16 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia 411 casi di morbillo, inclusi 2 decessi. Oltre l’80% dei casi è stato segnalato da 4 Regioni (Sicilia, Lazio, Calabria e Toscana).L’obbligo vaccinale, in Trentino, ha portato in media ad un aumento delle coperture di circa l’1%. L’aumento maggiore si è avuto nella copertura del morbillo passata dall’87,43% del 2016 al 91,68% del 2017.

I dati emergono dal monitoraggio sull’impatto dell’introduzione dell’obbligo vaccinale e sono stati illustrati in una conferenza stampa al Ministero della Salute in occasione della settimana europea delle vaccinazioni che si celebra dal 23 al 29 aprile.


Secondo i nuovi dati, che monitorano l’effetto dell’obbligo nei primi 6 mesi, ovvero fino a dicembre 2017, la prima dose di vaccino contro il morbillo vede una crescita a livello nazionale delle coperture del 4,42% rispetto all’anno precedente, una sola regione che supera il 95%, il Lazio, e altre due che vi si avvicinano, ovvero Piemonte e Umbria, con rispettivamente il 94,7% e 94,5.


Trainate dal generale aumento delle vaccinazioni obbligatorie, crescono a livello nazionale anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni non obbligatorie, come quella anti-pneumococcica e anti-meningococcica C, con un aumento rispettivamente di circa il 2 e 2,5%.
In Trentino la soglia del 95%, valore che permette l’immunità di gregge, non è stata raggiunta per nessuna vaccinazione. Il dato migliore, nella coorte di nascita 2015 per i bimbi di 24 mesi, si ha per il tetano (94,1). Guardando i vari distretti, però, si scopre che per la vaccinazione sul tetano, nel distretto Ovest, l’obiettivo del 95% è stato centrato e mancano pochi centesimi anche per Polio, Difterite, Pertosse ed Epatite. Restringendo maggiormente l’area il 95% è superato nella zona della Bassa Valsugana per gran parte delle vaccinazioni obbligatorie e così anche in val di Sole. L’adesione più bassa, invece, si ha in Vallagarina.


Nei dati diffusi dal ministero, oltre all’aggiornamento delle coperture vaccinali a 24 mesi, sono contenute anche quelle a 36 mesi, 48, 5-6 anni, 8, 18 e 18. Questo per aggiornare se eventuali inadempienti si sono poi messi in regola con le vaccinazioni, anche se in ritardo. Le coperture vaccinali nazionali a 36 mesi, relative ai bimbi nati nel 2014, permette infatti di monitorare la quota di bambini inadempiente l’anno precedente e recuperati.


Per quanto riguarda la polio, la copertura nazionale a 24 mesi vede un aumento del +1,21% rispetto al 2016, e con 11 regioni che superano il 95%. A non raggiungere questa soglia sono: Lombardia (94,8), Emilia Romagna (94,7%), Puglia (94,4) e Val d’Aosta (93,6), Provincia di Trento (93,9), Marche (93%), Sicilia (91,3%), Friuli Venezia Giulia (90,4) e, la peggiore, la Provincia di Bolzano (85,8%), Veneto (93,5%).


Ancora vulnerabile, soprattutto per quanto riguarda il morbillo, la fascia dei 18enni dove la copertura in Trentino è dell’88,77 per cento per la prima dose e del 73,30 % per la seconda dose. Percentuale del 70 per il meningococco C.
Dal 1 gennaio al 28 febbraio 2018, 16 Regioni hanno segnalato al Sistema nazionale di sorveglianza integrata morbillo e rosolia 411 casi di morbillo, inclusi 2 decessi. Oltre l’80% dei casi è stato segnalato da 4 Regioni (Sicilia, Lazio, Calabria e Toscana).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy