Salta al contenuto principale

Ex Frizzera: rudere

abbattuto in gennaio

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 49 secondi

La riqualificazione dell'area ex Frizzera/Euromix di via Brennero, con la cancellazione di uno degli «ecomostri» indicati nella lista nera della Provincia - riqualificazione voluta, auspicata, annunciata, ma fin qui ferma al palo - è stata «benedetta» l'altra sera, dopo le 23, con l'ultimo emendamento al Dup (il documento unico di programmazione) e al bilancio triennale 2018-'19-'20 che il Consiglio comunale di Trento ha approvato con 24 voti a favore e 12 astensioni: quelle dei consiglieri di minoranza, cui si è aggiunta quella di Stefano Bosetti (Pd-Psi), motivata con il mancato passaggio preventivo in Commissione urbanistica dell'emendamento proposto dal vicesendicaco e assessore all'urbanistica, Paolo Biasioli. 

«I lavori di abbattimento dello scheletro e di risanamento dell'altro edificio a sud» spiega Mirco Petri , amministratore delegato di Mak Invest «potranno partire il prossimo 8 gennaio, se il Comune ci darà l'autorizzazione edilizia entro fine anno». «Sì» aggiunge Biasioli «l'obiettivo, ora, è di rilasciare la concessione edilizia entro fine dicembre». Quanto al cronoprogramma, l'ad di Mak Invest aggiunge: «Per abbattere lo scheletro, bastano poche settimane. Il risanamento dell'edificio a sud sarà completato in cinque mesi». Vuol dire, in concreto, che nei 1.500 m² commerciali, nel limite di una media superficie di vendita, il prossimo giugno potrebbe insediarsi Lidl, la catena del discount che si allargherà nell'area di via Brennero, abbandonando gli attuali 1.100 m² alla rotatoria di via Maccani. Mak Invest, che fa capo a Mak Costruzioni di Lavis, ha investito poco meno di 5 milioni di euro per acquisire l'ex Frizzera da Sparim, l'immobiliare della Cassa di Risparmio di Bolzano. Altri 3 serviranno per i lavori di sistemazione.
L'emendamento votato dà il via libera ad una permuta pubblico-privata, del valore indicativo di 230 mila euro (il valore reale sarà supportato da una perizia asseverata degli uffici comunali) tra Mak Invest e Comune di Trento. La permuta riguarda una striscia di 759 m² di superficie, immediatamente a valle dell'edificio sud, che dividerebbe il futuro discount dai parcheggi: è di proprietà comunale, sedime residuo di una vecchia strada est-ovest che collegava via Brennero e Cristo Re. Fa comodo a Mak Invest, che in cambio metterà a disposizione una striscia di terreno lungo via Brennero, della stessa superificie e delle medesima destinazione d'uso («C5»).  

E, a carico della Mak Invest, tale striscia sarà sistemata, allargando verso nord la pista ciclabile e ricavando a sud, di fronte al parcheggio che una vota ospitava i bus dell'Atesina, una postazione per il bike sharing e un cicloparcheggio. Al posto del rudere-scheletro a nord, una volta abbattuto, sarà ricavato un parcheggio. Complessivamente, alla fine, ci saranno 200 posti auto. L'accordo tra Mak Invest e Comune, che sarà sancito con la permuta, prevede che un'ottantina dei posti auto a sud, nella parte interna verso la ferrovia, siano lasciati aperti all'uso pubblico tra le 6 e le 22.  

«Così facendo» dice l'assessore Biasioli «si ottiene un parcheggio di attestamento: chi arriva in auto, potrà muoversi utilizzando i bus o le bici. Sarà una delle 18 postazioni di bike sharing che, in accordo con la Provincia, si aggiungeranno alle 19 esistenti in città». Quanto al mancato passaggio in Commissione urbanistica, Biasioli spiega: «Non era dovuto, ma ero d'accordo di illustrare la permuta. Nell'ultima seduta, però, è poi mancato il numero legale. Prima del Consiglio, l'ho illustrata ai capigruppo. Procedere con una variante specifica, voleva dire ritardare di 2-3 mesi l'avvio dei lavori. C'erano 2 ordini del giorno e 3-4 interrogazioni che chiedevano di accelerare per la riqualificazione di quell'area. È quello che abbiamo fatto».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy