Salta al contenuto principale

Il cancro aggredisce i nostri bambini

Un video di 60 secondi per dare aiuto

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 23 secondi

Prendete una bambina, ditele che sarà la protagonista di un video che servirà per aiutare le sue amiche e i suoi amici malati di tumore, quelli che perdono i capelli e le sopracciglia a causa della chemioterapia. Spiegatele che così tante persone, guardandola in quelle immagini, capiranno... e sosterranno la onlus che si occupa dei piccoli guerrieri impegnati nella lotta contro il cancro. La bambina non si tira indietro. Il risultato è uno spot, commovente e pieno di speranza, realizzato gratuitamente, per la onlus Team for Children.

L’associazione affianca medici e infermiere in queste battaglie quotidiane nell’ospedale di Padova. Team for Children si occupa dell’animazione in corsia e nel day hospital ma è attiva anche nella realizzazione di progetti quali la nuova ala della clinica, dedicata agli adolescenti che si ammalano di tumore. Parliamo di tumori cerebrali, leucemie acute, linfomi e altri sarcomi delle parti molli.

Il reparto di oncoematologia pediatrica di Padova, diretto dal professor Giuseppe Basso, è la struttura di riferimento anche per il Trentino. Per capirci, quando ad un bimbo della nostra provincia viene diagnosticato un cancro, è là che molto spesso viene mandato per le cure. E comunque spesso la diagnosi, dopo l’analisi dei vetrini, viene fatta proprio in Veneto.

Ecco quindi che un gruppo di volontari trentini ha fatto una “spedizione” a Padova. Il progetto ha visto l’impegno di Jacopo Salvi (regista, fotografo e videomaker di Riva del Garda), assieme ad Emilio Santinelli e Marco Sirio Pivetti (composizione audio). Con loro c'era la truccatrice Nicoletta Valler di Rovereto. Sono poi state realizzate le foto di backstage grazie ai fotoreporter Leonardo Fabbri e Massimiliano Lettieri, oltre alle immagini video (sempre del dietro le quinte, che vedete qui sotto) girate da Andrea Tomasi, giornalista dell’Adige – padre di un bambino che è stato curato proprio a Padova.

Insomma si tratta di un video di grande qualità tecnica realizzato per fare del bene, per chiedere solidarietà ai cittadini. Come sappiamo, la nostra sanità ha non poche difficoltà economiche ma resta eccellenza internazionale (assieme a Gran Bretagna e Usa) proprio grazie agli aiuti provenienti dai privati.

Il video, ideato dalla presidente di Team for Children Chiara Girello Azzena con Tomasi, ora viene proiettato nei cinema, sugli schermi nei luoghi di grande transito, oltre ad essere trasmesso in tivù e postato sui social. L’obiettivo è chiaro: chiedere un aiuto concreto, a seconda delle disponibilità, per sostenere chi può salvare la vita dei nostri piccoli.

Questi i nomi dei volontari, che si sono messi a disposizione per fare i «medici per un giorno» e permettere quindi la realizzazione dello spot: Chiara Girello Azzena, Federico Bonato, Carla Spranzi, Silvia Azzena, Nicola Spranzi, Maria Marcheselli e Monica Franceschini. E naturalmente c'è la protagonista di una giornata di riprese: la piccola Sofia, brava e paziente, assieme alla mamma Elena Greggio.

Ogni anno, con la dichiarazione dei redditi, si può fare qualcosa per Team for Children. Si può dare un aiuto con il 5 x 1000: è sufficiente una firma e l’indicazione del Codice Fiscale – 92218540281 – sulla dichiarazione dei redditi.

La onlus Team for Children chiede un minuto del nostro tempo. Guardate il VIDEO:

video 5xmille Team for Children

Guardate il VIDEO del «dietro le quinte»:

Team for Children - il dietro le quinte dello spot

Le foto del backstage:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy