Salta al contenuto principale

No Tav: tensione a Mattarello

Trivella bloccata poi lasciata

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

AGGIORNAMENTO - Gli attivisti No Tav, anche quelli che nelle scorse ore hanno bloccato la trivella, si sono dati appuntamento a Mattarello per un'assemblea e, probabilmente, per decidere le prossime azioni.


Un folto numero di attivisti No Tav, oltre duecento persone, si è dato appuntamento questa mattina all'alba a Mattarello, per salire poi verso le Novaline e fare un corteo di protesta. Ad attenderli, come sempre, un nutrito numero di forze dell'ordine. E quello che, come definito sui social network, doveva essere un «assediogioioso» si è trasformato in un paio d'ore di alta tensione.

Come riferiscono fonti e siti vicini al movimento No Tav, «Questa mattina alle 6.30 gli attivisti trentini si sono trovati a Mattarello per un assediogioioso all’ingresso del cantiere per la costruzione del Tav alle Novaline. Numerose persone hanno presidiato i due diversi accessi al cantiere, con l’intento di impedire che la trivella per i sondaggi geognostici non entrasse nuovamente in funzione. Due cordoni di attivisti hanno sfondato i blocchi di polizia ci sono state cariche e lancio di lacrimogeni. Il sondaggio della trivella è stato quindi bloccato per la seconda volta. Gli attivisti No Tav sono riusciti a circondare il cantiere e una persona si è arrampicata sulla trivella, un'altra sul tetto di un furgone e altre sono arrampicate sulle recinzioni. La polizia ha caricato e sparato lacrimogeni per allontanare i manifestanti dal cantiere che ora sono tutti sulla strada per esprimere solidarietà ai ragazzi che stanno bloccando la trivella». Intorno alle 10 la situazione è tornata alla tranquillità. I manifestanti, tramite i vari gruppi su Facebook, hanno lanciato un appello ad altri attivisti affinché raggiungano la Novaline per dare man forte nella protesta.


Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy