Salta al contenuto principale

Costringeva la compagna e i suoi figli

ad essere brutalmente sottomessi

Rinviato a giudizio per maltrattamenti in famiglia un friulano di 44 anni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

Aveva costretto la compagna e i loro due figli, due bimbi minori, a subire vessazioni continue. Dovevano abbassare lo sguardo in segno di sottomissione e stare in silenzio. Costretti a subire insulti, offese e minacce. E in qualche caso, per la donna e la primogenita, anche violenze fisiche. Per queste ragioni un uomo, di 44 anni, originario del Friuli Venezia Giulia, è stato rinviato a giudizio con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della compagna.

Era stata proprio la donna a denunciarlo, circa un anno e mezzo fa, in seguito a un episodio in cui l’uomo l’aveva afferrata per il collo e l’aveva sbattuta contro il muro, provocandole un trauma cranico e contusioni. In un paio di occasioni sarebbe arrivato alla violenza fisica anche nei confronti della figlia, presa a calci e trascinata per un orecchio a una festa o percossa sulle mani per aver messo lo smalto. I fatti sono avvenuti nella Bassa friulana.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy