Salta al contenuto principale

Mense universitarie, contratto

per 47 lavoratori in Trentino

da marzo in "cassa" Covid-19

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

Da ieri i 47 lavoratori delle mense e dei bar universitari sono alla dipendenza della Risto 3. Si è risolto con un accordo firmato nei giorni scorsi - informa una nota unitaria dei sindacati trentini - il confronto tra la cooperativa, che ha vinto la gestione dei punti ristoro dell'Opera universitaria, e i sindacati Filcams, Fisascat e Uiltucs del Trentino.

Tutti i lavoratori manterranno le stesse ore di lavoro, il medesimo inquadramento e la stessa retribuzione della precedente gestione. Si tratta di persone in cassa integrazione Covid 19 da marzo, cioè da inizio lockdown e nel giro di due settimane avranno esaurito tutto l'ammortizzatore disponibile.

"È un passo avanti importante per la tutela di questi posti di lavoro. Diamo atto che, in assenza di tutele statali e provinciali, Risto 3 ha onorato l'impegno alle assunzioni, nonostante la situazione, purtroppo, resti preoccupante per questi addetti. Per loro la cassa integrazione Covid 19 è ormai agli sgoccioli e pur se assunti da Risto 3 rischiano di trovarsi senza stipendio fino alla riapertura delle mense", commentano Francesca Delai (Filcams), Lamberto Avanzo e Gabriele Goller (Fisascat) e Dino D'Onofrio (Uiltucs).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy