Salta al contenuto principale

In 20 giorni 8mila domande

per i contributi statali

alle imprese colpite dal lockdown

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

A poco più di 20 giorni dall'avvio, sono oltre 8.005 le richieste di accesso al contributo a fondo perduto previsto dal Dl Rilancio del governo presentate da 7.848 contribuenti del Trentino.

A 5.582 di questi soggetti (2.821 persone non fisiche e 2.761 persone fisiche) l'Agenzia delle entrate ha già accreditato in conto corrente un totale di 20.692.883 euro.

Il contributo spetta a imprese e partite Iva colpite dalle conseguenze economiche del lockdown.

In particolare, tale ristoro spetta ai titolari di partita Iva, esercenti attività d'impresa e di lavoro autonomo, comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa, con fatturato nell'ultimo periodo d'imposta inferiore a 5 milioni di euro e a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

L'ammontare del contributo è pari al 20% del calo del fatturato di aprile se i ricavi e i compensi dell'anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro; al 15%, se i ricavi e i compensi dell'anno 2019 superano i 400.000 euro ma non l'importo di 1.000.000 di euro; al 10%, se i ricavi e i compensi dell'anno 2019 superano 1.000.000 di euro ma non l'importo di 5.000.000 euro.

Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy