Salta al contenuto principale

Fondazione Mach, la Provincia
prende il controllo del cda
"Dibblata" la cooperazione

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

La Provincia prende il controllo della Fondazione Edmund Mach (Fem), mette in minoranza negli organi sociali i rappresentanti del mondo agricolo ed esclude completamente la Cooperazione.

La rivoluzione degli assetti di governo della Fondazione è contenuta in un emendamento dall'assessora provinciale all'agricoltura Giulia Zanotelli al disegno di legge di riforma della ricerca, che porta la firma dell'altro assessore Achille Spinelli . L'iter della legge è stato da poco avviato in consiglio provinciale.

Ma tra le cooperative monta la protesta. Lunedì è prevista in consiglio l'audizione del Coordinamento imprenditori, in cui Federcoop è rappresentata dalla presidente facente funzioni Patrizia Gentil e dal direttore Alessandro Ceschi . In quell'occasione e poi con un documento specifico, la Federazione esprimerà tutta la sua contrarietà all'emendamento.

Nella proposta Zanotelli, le nomine del presidente e degli organi sociali di Fem restano in capo a Piazza Dante, come oggi. Il consiglio di amministrazione viene però ridotto a 7 componenti rispetto agli attuali 12.

Dei 7 consiglieri, uno è designato dalle minoranze del consiglio provinciale e tre sono designati dalle organizzazioni professionali agricole. Ora, invece, due terzi del cda sono individuati su designazione delle cooperative di produzione agricola e delle organizzazioni professionali più rappresentative dell'agricoltura.

La Cooperazione indica tre componenti per i tre settori frutta, vino e lattiero-caseario. Attualmente sono il presidente di Melinda Michele Odorizzi , il presidente della Cantina di LaVis Pietro Patton e Vittorino Covi della Federazione Allevatori. Altri cinque consiglieri vengono designati dalle organizzazioni degli agricoltori Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Associazione Contadini. Gli altri 4 sono espressione del personale della Fondazione, dell'Udias, l'Unione Diplomati dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, dalle minoranze del consiglio provinciale. L'attuale presidente, nominato dalla giunta a febbraio, è Mirco Maria Franco Cattani .
Secondo l'emendamento, il presidente e i componenti del cda sono scelti tra persone di riconosciuta competenza scientifica e manageriale.

Non è escluso, naturalmente, che tra i rappresentanti delle organizzazioni agricole venga designato un cooperatore. Ma il segnale, in via Segantini, viene considerato chiaro e preoccupante: Fem perde il rapporto diretto con le cooperative e i consorzi agricoli che costituiscono gran parte del mondo agricolo trentino e che sono decisivi proprio per gli investimenti sulla ricerca, sulle coltivazioni, sui cambi colturali, cioè su quello di cui si occupa la Fondazione Mach.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy