Salta al contenuto principale

Mense, 48 lavoratrici
rischiano il posto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

A nulla sono serviti fino ad ora gli incontri con Risto 3 e Opera universitaria nel tentativo di dare risposte ai 48 lavoratori e lavoratrici delle mense universitarie che con il cambio di appalto e la chiusura dei ristoranti per gli studenti imposta dal Coronavirus rischiano di restare senza occupazione. Lo sostengono i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs. Da lunedì la cooperativa trentina subentra a Sma srl nella gestione delle mense e ai bar, ma fino a questo momento non ha ancora assunto gli addetti. A peggiorare il quadro il fatto che questi lavoratori, quasi tutte donne e con contratti part time, sono a casa senza stipendio né ammortizzatore sociale.

«Ancora una volta un cambio d'appalto si traduce in uno scaricabarile sulla pelle delle lavoratrici» affermano i segretari di Filcams, Fisascat e Uiltucs Paola Bassetti , Lamberto Avanzo e Walter Largher insieme ai sindacalisti che seguono il settore Francesca Delai , Gabriele Goller e Dino D'Onofrio . «Pretendiamo che ognuno si assuma la piena responsabilità di questa situazione garantendo continuità occupazionale e retributiva a questi addetti, come prevede il contratto nazionale di lavoro».
Risto 3 da settimane temporeggia con le nuove assunzioni con l'obiettivo di rinegoziare i termini dell'affidamento del servizio, viste le mutate condizioni in cui operano oggi le mense e l'incertezza sulla riapertura delle lezioni universitarie in presenza a settembre. L'Opera Universitaria non affianca Risto 3 per garantire il pieno rispetto di quanto prevede il capitolato d'appalto. Sullo sfondo l'immobilismo della Provincia.

«Questa è solo la prima di una serie di situazioni critiche per gli addetti alle mense scolastiche che da qui a settembre è destinata a esplodere - sottolineano i sindacati - Per questa ragione abbiamo chiesto alla Provincia un incontro per trovare una soluzione». La richiesta dei sindacati è di allungare di otto settimane la cassa integrazione per questi lavoratori. «Gran parte di loro sono fermi da marzo e hanno esaurito la cassa Covid».
Mercoledì prossimo 24 giugno in tutta Italia e in Trentino gli addetti delle mense scolastiche e aziendali si mobilitano per chiedere certezze per il loro futuro. Tutti hanno esaurito la cassa integrazione Covid ed è urgente una proroga dell'ammortizzatore sociale.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy