Salta al contenuto principale

Contributi a fondo perduto

nel primo giorno 1200 domande

in gran parte da bar e B&B

Chiudi
Apri

PATN

Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Parte forte la richiesta di «contributi a fondo perduto» della Provincia: 1200 domande in quattro ore, la metà delle quali già completate. Questa una prima fotografia, a solo 4 ore dall’apertura del programma «Riparti Trentino» per l’accesso ai contributi a fondo perduto da parte di operatori economici danneggiati dalla pandemia di Coronavirus. Ad un primo esame le categorie più rappresentate sono quelle dei gestori di bar, ristoranti e strutture turistiche come affittacamere e B&B ed inoltre i professionisti di varie categorie.

In tutto le domande fanno riferimento a 172 codici Ateco diversi.

«E’ arrivata almeno una domanda da ogni Comune del Trentino – sottolinea l’assessore allo sviluppo economico e lavoro Achille Spinelli, – una conferma della pervasività della misura, che viene incontro ad una molteplicità di esigenze, e che, dalle prime impressioni, risulterebbe anche accessibile, non-burocratica, com’era nelle nostre intenzioni. Numericamente, come ovvio, il numero maggiore di domande arriva comunque dal capoluogo, Trento. Seguono Arco e Rovereto».

L’appello è di leggere sempre attentamente le FAQ-Frequently Asked Question, o «Domande più frequenti», sul sito Riparti Trentino, prima di procedere, anche per non intasare il call center.
Il sito: https://ripartitrentino.provincia.tn.it/

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy