Salta al contenuto principale

La lotta all'evasione fiscale
Recuperati 105 milioni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

Fanno boom i risultati della lotta all'evasione fiscale in Trentino. L'anno scorso in provincia il fisco ha recuperato 105 milioni di euro di tasse non pagate. La cifra è superiore del 25% agli 84 milioni riscossi nel 2018 e batte anche i 92 milioni del buon risultato 2017. Negli ultimi tre anni gli incassi dell'Agenzia delle Entrate raggiungono i 280 milioni. Viene erosa, sia pur lentamente, la montagna di soldi dovuti al fisco e non pagati, che è stimata per la provincia di Trento in circa 1 miliardo di euro l'anno.

Ma, come sottolinea l'Ufficio studi della Cgia, l'Associazione artigiani di Mestre, il grosso di questa cifra non arriva dalla mancata emissione di scontrini o ricevute, bensì dal ricorso di grandi aziende e holding finanziarie alle frodi doganali, alle frodi carosello, alle operazioni estero su estero e alle compensazioni indebite.

Delle somme recuperate dall'Agenzia delle Entrate nel 2019, vola la riscossione da attività di controllo, passata dai circa 59 milioni del 2018 a 79 milioni, un terzo in più. Il grosso del lavoro del personale delle Entrate, oggi, non è più la visita in azienda, che tante polemiche suscitava in passato, quanto l'incrocio dei dati dalle banche dati fiscali e finanziarie, che consente, almeno in alcuni casi, di arrivare ad accertare proprio quelle fattispecie citate dagli Artigiani di Mestre: la grande evasione e l'elusione fiscale internazionale.

In crescita, anche se in modo meno marcato, è il dato dei versamenti diretti, cioè del pagamento di imposte a seguito di accordi col fisco: 26 milioni contro i 25 dell'anno precedente. Ma aumentano i contribuenti assistiti dagli uffici fiscali ai fini del cosiddetto "ravvedimento operoso": nel 2019 sfiorano i 1.800. Sono pratiche che le agenzie fiscali stanno incoraggiando e che si accompagnano alle varie definizioni agevolate e rottamazioni. Solo l'ultima rottamazione ter più il saldo e stralcio per contribuenti a basso reddito hanno interessato 7.000 trentini per un contenzioso fiscale che valeva 160 milioni e che, grazie al pagamento senza sanzioni e interessi, è sceso a meno di 100 milioni da versare a rate.

Secondo l'Istat, in Trentino l'economia non osservata, che comprende la vera e propria economia sommersa e le attività illegali, vale circa 1,9 miliardi di euro, cioè l'11% del valore aggiunto.

Le sue componenti principali sono la sottodichiarazione, cioè l'evasione fiscale vera e propria, e il lavoro irregolare, che dà luogo a evasione fiscale ma soprattutto contributiva. L'ultima stima dell'evasione fiscale trentina la colloca a 1 miliardo 53 milioni di imposte evase. A Bolzano l'incidenza dell'economia non osservata è un po' inferiore, intorno al 10%, ma in valore assoluto l'evasione è un po' superiore: 1 miliardo 114 milioni.

In questi mesi di emergenza sanitaria e di lockdown, il personale delle agenzie fiscali in Trentino ha continuato a lavorare, spesso in smart working, soprattutto ai controlli incrociati sull'evasione.

L'attività di riscossione invece è stata fermata per andare incontro alle tante famiglie e piccole imprese che in questa fase sono in difficoltà a saldare le loro pendenze col fisco. Il decreto Rilancio, in discussione in Parlamento, prevede la sospensione fino al 31 agosto dei termini per i versamenti derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all'Agente della riscossione. La sospensione riguarda anche la notifica di nuove cartelle, delle procedure e degli altri atti di riscossione. I pagamenti andranno effettuati poi entro il 30 settembre. Le rate 2020 della rottamazione ter e del saldo e stralcio, se non versate alle relative scadenze, potranno essere pagate entro il 10 dicembre. Scatta anche lo stop ai pignoramenti di stipendi e pensioni e arrivano regole più soft per le rateizzazioni.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy