Salta al contenuto principale

Cassa integrazione in deroga

per agricoltura e commercio:

accordo fra Provincia e sindacati

Oltre a quella ordinaria, coprirà i lavoratori a casa per l'emergenza

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 53 secondi

Siglato ieri sera l’accordo quadro per la cassa integrazione in deroga dei lavoratori dell’agricoltura, e per il commercio solo per dipendenti di imprese con più di 50 dipendenti.

L’accordo quadro è stato firmato fra la Provincia, le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative e le associazioni di categoria dei datori di lavoro. L’accordo è rivolto a tutti i lavoratori che non sono già tutelati da altre forme di ammortizzatori sociali, come la cassa integrazione ordinaria o l’assegno ordinario del Fondo territoriale, il cui rapporto di lavoro viene sospeso o ridotto.

Potranno accedere a questo strumento i lavoratori dell’agricoltura a tempo determinato e a tempo indeterminato, per le giornate di sospensione o di riduzione d’orario ulteriori rispetto al tetto massimo delle 90 giornate annue, e i lavoratori del settore commercio di imprese con più di 50 dipendenti.

Nel dettaglio l’intervento riguarda la sospensione o riduzione di orario dell’attività per un massimo di 9 settimane, anche non consecutive, calcolate a livello aziendale a decorrere dal 23 febbraio e fino al 31 agosto.

Garantisce il medesimo importo previsto per la cassa integrazione ordinaria, ovvero l’80% della retribuzione con un massimale di 940 euro (per chi ha una retribuzione lorda mensile fino a 2159 euro) o di 1.130 euro (per chi ha retribuzione lorda superiore a 2159 euro).

Le domande andranno presentate direttamente al Fondo territoriale del Trentino, presso l’Inps provinciale, e non dalle singole aziende alla Provincia. L’accordo diventerà infatti operativo a breve prevedendo la possibilità di presentare domanda sul sito dell’Inps nella sezione riservata al Fondo di solidarietà del Trentino, con modalità semplificate di comunicazione alle organizzazioni sindacali e di raggiungimento dell’accordo sindacale (obbligatorio per le imprese con più di 5 dipendenti).

Si ricorda che per gli altri lavoratori sono attivi gli ordinari ammortizzatori sociali previsti per le sospensioni lavorative, in particolare: la cassa integrazione guadagni ordinaria: per le imprese industriali, le imprese artigiane settore edile e porfido; la cassa integrazione agricola per i lavoratori a tempo indeterminato dell’Agricoltura (max. 90 gg. annui); l’assegno ordinario previsto dai fondi di solidarietà bilaterali (ad esempio Fondo Artigiani, Fondo delle imprese di somministrazione); l’assegno ordinario del Fondo di Solidarietà Trentino al quale accedono, fra gli altri, i lavoratori delle imprese del turismo, dei servizi nonché del commercio (imprese fino a 50 dipendenti).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy