Salta al contenuto principale

Sindacati pronti allo sciopero:

"serrata" per 8.500 aziende

con 90mila lavoratori in Trentino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 11 secondi

«Pronti allo sciopero per fermare le attività non essenziali». Lo annunciano Cgil, Cisl e Uil del Trentino, che verificheranno «azienda per azienda» la condizione dei lavoratori e segnaleranno «al Commissariato del governo tutti i casi in cui non si rispetta il protocollo sulla salute e la sicurezza». Dalle elaborazioni eseguite dalla Fim Cisl del Trentino, la serrata obbligatoria coinvolgerà oltre 90.000 dipendenti del settore privato e circa 8.500 imprese per un valore della produzione annuo di 14 miliardi di euro. Si tratta di aziende che mobilitano salari e stipendi per un totale del costo del lavoro di circa 1,7 miliardi di euro l’anno.

Saranno invece quasi 70.000 i dipendenti del settore privato (57% del totale) che potranno continuare a lavorare (salvo chiaramente le chiusure e le rimodulazioni già decise autonomamente dalle imprese, in molti casi già effettuate prima del decreto di ieri).

«Possono restare aperte solo quelle realtà che anche sul nostro territorio producono beni e servizi essenziali. In tutte le altre aziende la produzione deve essere sospesa. Siamo pronti a sostenere e organizzare la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori in tutti quei luoghi di lavoro dove non si rispetta questo principio. La priorità è fermare il contagio e tutelare la salute degli addetti», scrivono i tre segretari generali, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti, condividendo anche a livello provinciale le preoccupazioni e la delusione per la scelta del Governo di ampliare l’elenco delle attività che potranno continuare ad operare.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy