Salta al contenuto principale

Via l'abitazione a 881 famiglie

Inapplicati i mutui salva-casa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi

Tra il luglio del 2018 e il giugno del 2019 in Trentino 881 famiglie hanno perso la casa, il capannone, l'immobile che avevano in proprietà o in affitto. Di esse, 641 sono del circondario di Trento e 240 di quello di Rovereto. Sono dati ai massimi negli ultimi anni, pressoché pari al periodo precedente, quando sfratti e pignoramenti erano 889, e in crescita del 4%, pari a 33 casi in più, rispetto a tre anni fa. Le procedure di sfratto sono in calo del 16% a 338. Le esecuzioni immobiliari invece si impennano dell'11% a 543, cioè 56 in più dell'anno prima.

Sui pignoramenti, dal primo gennaio è in vigore la norma salva-casa, che blocca l'esecuzione sulla prima abitazione se si rinegozia il mutuo. Ma la norma, denuncia l'avvocato Barbara Maseri di Sos Utenti, risulta praticamente inapplicata: le banche, comprese le Casse rurali, non concedono mutui ai pignorati. I dati sulle procedure di sfratto e le esecuzioni immobiliari sono contenuti nella relazione del presidente della Corte d'appello di Trento Gloria Servetti all'inaugurazione dell'anno giudiziario sabato scorso 1° febbraio e sono riferiti, come di consueto, all'anno giudiziario che va dal 1° luglio di un anno al 30 giugno dell'anno successivo.

I procedimenti per convalida di sfratto sopravvenuti, cioè nuovi, sono 334, in calo del 19,3%, di cui 250 presso il tribunale di Trento e 84 al tribunale di Rovereto. I procedimenti definiti sono 338, di cui 240 a Trento e 98 a Rovereto, in diminuzione del 15,9%. Restano pendenti 58 sfratti, di cui 50 a Trento, in aumento sui 40 dell'anno prima, e 8 a Rovereto, in netto calo rispetto ai 22 precedenti. Diversa la situazione delle esecuzioni immobiliari che, nonostante la diminuzione dei nuovi procedimenti, continuano ad aumentare ogni anno. Nel periodo a cavallo tra il 2018 e il 2019 sono entrati 299 nuovi procedimenti, 232 a Trento e 67 a Rovereto, in calo di oltre il 31%. Ma i pignoramenti definiti nell'anno salgono dell'11,5% a 543, di cui 401 nel tribunale di Trento (+8,1%) e 142 nel tribunale di Rovereto (+22,4%). Tre anni prima i pignoramenti erano 395: l'aumento triennale sfiora i 150 casi (+37%). A metà dell'anno scorso restano pendenti 941 esecuzioni immobiliari a Trento (-14,3%) e 240 a Rovereto (-22,6%), per un totale di 1.181 famiglie in attesa di capire se perderanno la casa o l'immobile in proprietà, che diventano 1.239 con quelle in attesa di sfratto.

A inizio anno è entrata in vigore la norma prevista dal decreto fiscale del governo Conte che blocca la vendita all'asta della prima casa ipotecata e pignorata se si rinegozia il mutuo. «La difficoltà è trovare la banca che eroghi il mutuo alla persona pignorata - afferma l'avvocato Maseri - Parliamo di soci di piccole aziende andate male a cui è stata pignorata la casa d'abitazione o di persone sovraindebitate. In un Trentino solidale banche disponibili dovrebbero esserci. Ma i miei clienti hanno provato a chiedere a Casse rurali e si sono sentiti rispondere di no».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy