Salta al contenuto principale

Accordo con banche creditrici

La Vis verso il rientro in Cavit

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

L’accordo con le banche creditrici è stato raggiunto. Mancano pochi passaggi e, probabilmente entro l’anno, andrà a concludersi l’operazione che riporta la cantina La Vis nel consorzio Cavit.

Verranno cedute a Cavit le società industriali e commerciali del gruppo lavisano, Casa Girelli, Cesarini Sforza Spumanti e Glv. Il valore su cui si sta lavorando si attesta fra i 30 e i 35 milioni di euro. In questo modo verrà drasticamente abbattuto il debito accumulato da La Vis, pari a 48 milioni tra banche e Isa. Alla cantina resterà praticamente solo il debito verso i soci.

La Vis rientrerà in Cavit tredici anni dopo l’uscita traumatica nel 2006 e tornerà ad essere cantina sociale con un ruolo di valorizzazione dei prodotti del territorio lavisano e della Val di Cembra.

Cavit ha appena chiuso i conti 2018-2019 con oltre 191 milioni di fatturato e 5,1 milioni di utile netto, portando così il patrimonio netto a 90 milioni. Il consorzio ha quindi le spalle larghe per acquisire le società spumantistiche e commerciali e sostenere il rientro di La Vis senza il peso dei debiti finanziari. Con il rientro della cantina lavisana, nascerà un polo vitivinicolo da 250 milioni di giro d’affari.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy