Salta al contenuto principale

Prezzi, sorpresa per Trento

È tra le meno care d’Italia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 11 secondi

Bolzano non è più la città più cara d’Italia e anche i consumatori trentini possono tirare un sospiro di sollievo, perché Trento figura molto lontana, al 28° posto della classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti, e dunque tra le tre città più convenienti.

La classifica è stata stilata dall’Unione nazionale consumatori, sulla base dei dati dell’inflazione resi noti oggi dall’Istat.

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, in testa alla classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti più care in termini di rincari, non si conferma Bolzano, ma balza in testa Modena che, pur non avendo l’inflazione più alta, +1,1% (il record appartiene ancora una volta a Bari: +1,3%), ha la maggior spesa aggiuntiva, equivalente, per una famiglia tipo, a 307 euro su base annua.

Al secondo posto Bolzano, dove il rialzo dei prezzi dell’1% determina un aggravio annuo di spesa, per una famiglia media, pari a 301 euro, terza Bari, dove l’inflazione a +1,3%, il primato di agosto, comporta una spesa supplementare pari a 270 euro.

Le città più conveniente sono, invece, addirittura in deflazione. Al primo posto della città più risparmiose Bologna, dove l’abbassamento dei prezzi dello 0,3% genera un risparmio annuo di 85 euro. Al secondo posto Ravenna  (-0,3%, pari a -84 euro) e al terzo Trento, -0,2%, con un ribasso del costo della vita pari a 49 euro.


 

In testa alla classifica delle regioni più costose in termini di maggior spesa, la Liguria, che, con l’inflazione a +0,9, registra, per una famiglia tipo, una batosta pari a 207 euro su base annua. Segue l’Abruzzo, dove l’incremento dei prezzi pari all’1%, implica un’impennata del costo della vita pari a 205 euro, terza la Puglia, dove per via dell’inflazione a +0,9%, si ha un salasso annuo di 175 euro.

La regione con meno rincari, la Sardegna, dove il rialzo dello 0,1% si traduce in una maggior spesa annua di 20 euro. Marche e Umbria in seconda posizione, con una variazione dei prezzi pari a 22 euro per entrambe.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy