Salta al contenuto principale

Lo spread chiude a 303 punti

Borse, Milano la peggiore

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Lo spread tra Btp e Bund chiude sopra i 300 punti base - sugli schermi Bloomberg - in rialzo a 303 punti base dai 285 della chiusura di venerdì scorso dopo aver sfiorato nel corso della seduta quota 310. Il rendimento del decennale italiano è al 3,56% dopo aver rivisto i massimi da febbraio 2014 oltre il 3,60%.

Il differenziale tra i biennali italiani e tedeschi segna un rialzo di oltre 20 punti base a 208 (tasso a 1,52%), mentre lo spread tra i quinquennali si riporta a 286 dopo aver sfondato quota 300, massimo da maggio.

Lo spread sopra i 300 punti pesa sulle banche, che hanno affossato Piazza Affari, maglia nera in Europa con una perdita del 2,43% a 19.835 punti, i minimi da aprile 2017.

A far volare il differenziale fra btp e bund decennali è stata la lettera di critiche alla nota di aggiornamento al def inviata venerdì dalla Commissione Europa al governo italiano. Il comparto banche ha perso il 3,71%, con Banco Bpm che ha ceduto il 6,5%, Ubi il 4,9%, Fineco il 4,8%, Unicredit il 3,5% e Intesa il 3,2%.

Fuori dal listino principale è crollata Banca Ifis (-12%). Mps (-4,5% a 1,92 euro) e Carige (-1,7% a 0,0054 euro) hanno aggiornato i minimi. Dopo l’interessamento mostrato da Salini Impregilo (-2%), ha continuato a correre Astaldi (+12,8), più volte sospesa al rialzo. Fra i titoli principali, l’unico in crescita è stato quello di Recordati (+0,5%).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy