Salta al contenuto principale

Vinitaly, vino più sicuro

Contrassegno di Stato

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Nel Paese dove nulla è certo, dove la sicurezza diventa argomento da bar e da barzellette, almeno in materia di vino si parla con serietà. Sicurezza, tracciabilità e marketing. La tutela del vino Made in Italy passa attraverso l’applicazione del contrassegno di Stato sul collo di ogni bottiglia. Uno strumento di sicurezza, vera e propria centrale informativa, accessibile anche attraverso pc e app per smartphone, utile tanto al produttore quanto al consumatore. Di questo e molto altro si è parlato oggi a Vinitaly, presso lo stand del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali. La denominazione d’origine controllata (Doc), pur non essendo obbligatoria per legge - a differenza di quanto previsto per il Docg - ha registrato un considerevole incremento nell’ultimo triennio: dai 540 milioni di bottiglie registrate nel 2014 dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, ai 650 milioni del 2016. Si viaggia con un incremento del 10% annuo, anche in previsione del 2017.

Questo avanzato modello messo a punto da Ipzs è in grado di abbinare caratteristiche di sicurezza «fisica» del prodotto ad un codice alfanumerico «logico» all’interno di un processo informatico. In questo modo è possibile garantire la tracciatura del singolo contrassegno, dalla produzione fino alla consegna. Per Nicola Bottura di Siquria, il contrassegno rappresenta una grande opportunità di sviluppo per tutto il comparto vitivinicolo: «Dal 2008 al 2011 - ha sottolineato - grazie all’applicazione di questa Carta Valori la produzione di Amarone è balzata da 8,5 milioni a 12,5 milioni di bottiglie».

Questo significa che quattro milioni di falsi Amarone sono stati eliminati dal mercato e che - spiega Roman Pota di Validus - «Il consumatore ben comprende il significato di acquistare vino di qualità». Per Claudio Salaris di Valoritalia la vera sfida è «identificare, nella raccolta e nell’aggregazione dei dati, un soggetto terzo a tutela della fede pubblica e dalla salvaguardia del Made in Italy».

«L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato - conclude Maurizio Quatrociocchi, Responsabile Sviluppo di Ipzs - lavora su 10 miliardi di produzioni tracciate e garantite e mette a disposizione il proprio sistema informativo per integrare tutti i dati relativi all’autenticità del prodotto, agli organismi di controllo sulla certificazione e al consorzio per le caratteristiche del prodotto».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy