Salta al contenuto principale

Svolta: Bruxelles apre

alla proroga Autobrennero

Chiudi

Un'immagine d'archivio della A22

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Svolta a Bruxelles sulla proroga della concessione Autobrennero, grazie a una direttiva Ue che sta per essere recepita anche in Italia. La Commissione europea potrebbe dare il via libera all'allungamento della concessione in presenza di rilevanti interessi pubblici, dal piano di investimenti al contenimento delle tariffe. La proroga a questo punto diventa urgente anche per sbloccare i lavori del tunnel del Brennero: i 550 milioni di euro del «tesoretto» A22 sono proprio i soldi che mancano per far partire la «fase 3», cioè il mega appalto da 1,2 miliardi per avviare la costruzione della galleria di base del Brennero.

Ieri era a Roma Gert-Jan Koopman , direttore della Dg Concorrenza dell'Ue, per affrontare con il governo italiano la questione delle concessioni autostradali e in particolare delle proroghe chieste con il decreto Sblocca Italia. «È un primo incontro alla luce della nuova direttiva europea sulle concessioni - afferma Mauro Fabris , commissario governativo al tunnel del Brennero - Siamo a un punto di svolta. Entro qualche settimana ci sarà la risposta. Sono fiducioso che questa volta si riuscirà ad ottenere la proroga. Che è importante anche per avere finalmente la disponibilità del fondo ferrovia di A22 per la galleria di base del Brennero».

L'accresciuta probabilità del via libera europeo alla proroga A22 dipende appunto dal fatto che non più dello Sblocca Italia si tratta ma della direttiva Ue 23/2014, che il Parlamento sta recependo tramite la legge delega sugli appalti. «La direttiva - spiega Fabris - consente modifiche e allungamenti delle concessioni laddove c'è un interesse pubblico rilevante». La proroga consentirebbe di sbloccare il tesoretto A22 prima dell'estate. «Entro l'estate dobbiamo bandire la gara da 1,2 miliardi per avviare la costruzione della galleria di base, pena la perdita di credibilità in Europa e il rischio di non avere il cofinanziamento europeo del 40% per il tunnel e del 20-25% per le tratte d'accesso».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy