Salta al contenuto principale

Vivicittà: in mille di corsa

tra Riva, Arco e Torbole

Vince la competitiva Alessandro Rambaldini, al via anche il sindaco di Arco (terzo nella non competitiva)

Giornata di sport, di sole e di sano agonismo (ma non per tutti) quella di oggi nel "triangolo atletico" che ha ospitato questa mattina l'edizione 2015 di "Vivicittà", con partenza da Riva (piazza Garibaldi) per la gara competitiva di 12 chilometri e da via Pomerio ad Arco per quella non competitiva di 5 chilometri.

Il percorso principale ha toccato alcuni tra gli angoli più suggestivi della Busa, coinvolte in diverso modo sia Riva che Arco e Torbole.

La gara competitiva è stata vinta da Alessandro Rambaldini, atleta bergamasco al via con il pettorale numero 1, a seguire Madouh Issam (Atletica Freezone) quindi Buffa Garbiele (Atletica Valle di Cembra), quarto Deromedi Giovanni (Atl.  Valli di non e Sole), quinto Mignolli Andrea (Asd. La Rustica Pescantina), sesto Trentini Fabio (S.A. Valchiese), settimo Sella Manuel (Atl. Lecco-Colombo), ottavo Mase’ Norman (Atletica Clarina Trentino), nono Berlanda Corrado (Atletica Team Loppio) e decimo Rodigari Alex (S.A. Valchiese).

La classifica femminile: 1) Bergamo Mirella (Gs Valsugana Trentino) 2) Beatrici Lorenza (Atletica Trento) 3) Cordero Garcia Anisleidy (Atletica Alto Garda e Ledro) 4) Yemane Negassi Adiam (Atletica Trento) 5) Rosso Anna (Atletica Valle di Cembra) 6) Murolo Maria Chiara (Atletica Valle di Cembra) 7) Bonapace Adele (S.A. Giustino) 8) Scottini Giorgia (Lagarina Crus Team) 9) Chiste’ Silvia (Atletica Trento) 10) Yemane Negassi Yodit (Atletica Trento).

Fuori di un soffio, perché undicesima, Maria Luisa Taverinini, assessore allo sport del Comune di Arco, atleta e campionessa di nuoto, tra gli organizzatori della manifestazione con Atletica Alto Garda e in collaborazione con il comitato Uisp Trentino.

Val la pena ricordare che per ogni iscritto - un migliaio - viene devoluto un euro al Centro "Kanafani" che nel campo profughi palestinese Aian Al Helweh in Libano, bambini disabili.