Calcio: Juve, Thiago Motta è arrivato al J Medical

(ANSA) - TORINO, 08 LUG - Thiago Motta è arrivato al J Medical. Il nuovo tecnico della Juventus sta muovendo i primi passi nel mondo bianconero e da qualche minuto ha fatto il suo ingresso nella struttura che si trova nella pancia dell'Allianz Stadium. L'italo-brasiliano si sottoporrà ai test e poi si preparerà ad iniziare la sua nuova avventura alla guida della Juve, con il raduno fissato per la giornata di mercoledì 10 luglio. (ANSA).

Gallerie

 

Calcio: Juve, Thiago Motta è arrivato al J Medical

(ANSA) - TORINO, 08 LUG - Thiago Motta è arrivato al J Medical. Il nuovo tecnico della Juventus sta muovendo i primi passi nel mondo bianconero e da qualche minuto ha fatto il suo ingresso nella struttura che si trova nella pancia dell'Allianz Stadium. L'italo-brasiliano si sottoporrà ai test e poi si preparerà ad iniziare la sua nuova avventura alla guida della Juve, con il raduno fissato per la giornata di mercoledì 10 luglio. (ANSA).

 

Spiagge sarde depredate, turisti fermati a Olbia con conchiglie

(ANSA) - OLBIA, 08 LUG - Stavano lasciando l'isola dopo aver trascorso un periodo di vacanza e, incuranti dei divieti che ormai capeggiano in numerose località balneari e dei cartelli di sensibilizzazione contro il furto di sabbia e sassi, due coppie di turisti sono state fermate al porto Isola Bianca di Olbia perché trovati in possesso di materiale rubato dalle spiagge. Nei loro bagagli, ben custoditi, era conservate infatti conchiglie e pietre raccolte sul litorale di Budoni, che sarebbero state parte del loro souvenir di viaggio in terra sarda. Gli agenti della security dell'Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna hanno fermato nella giornata di domenica e questa mattina, una coppia di Latina in partenza per Civitavecchia a bordo di un'auto e una di tedeschi che viaggiavano in camper diretti a Genova. Tutto il materiale sequestrato è stato poi consegnato alla sezione operativa territoriale dell'Agenzia delle Dogane. (ANSA).

 

Maltempo: Cia Alessandria, campi distrutti, dai pomodori al mais

(ANSA) - ALESSANDRIA, 08 LUG - La Cia (Confederazione italiana agricoltori) di Alessandria segnala, in una nota, pomodori, mais, frumento, girasoli e sorgo distrutti, insieme a impianti d'irrigazione compromessi e danni alle strutture. "Le colture sono state spazzate via, il frumento completamente allettato, le piante di granoturco spezzate, le manichette per l'acqua sradicate dalle loro sedi" descrive nel comunicato. I tecnici della Confederazione stanno svolgendo, di nuovo - a pochi giorni dalla furia che ha devastato il Casalese - sopralluoghi di ricognizione. La dirigenza invece ha già interessato il neoassessore regionale all'Agricoltura, Paolo Bongioanni, "che - fanno sapere dalla Ciadi Alessandria - si è già impegnato per fare visita, nei prossimi giorni, alle aziende maggiormente colpite". Pioggia, grandine e vento hanno colpito, in particolare, la pianura nelle vicinanze del capoluogo, i centri di Solero, Quattordio, Felizzano, Masio, Oviglio, al confine con l'Astigiano. Gli interventi dei vigili del fuoco, come riferisce la sala operativa, vanno a esaurirsi, mentre vengono ultimati i prosciugamenti. (ANSA).

 

MotoGp: in Germania Martin cade e Bagnaia vola in testa

(ANSA) - ROMA, 07 LUG - Quando mancavano due giri dalla bandiera a scacchi Jorge Martin ha visto andare in frantumi la sua gara con una caduta che ha dato il via libera a Francesco Bagnaia che vince il gran premio di Germania e torna in testa al motomondiale scavalcando proprio lo spagnolo, distanziato ora di dieci punti. A completare il podio i fratelli Marquez con le Ducati del team Gresini: Marc, autore di una spettacolare rimonta, ha battuto Alex nel finale per il secondo posto. "Non è stato facile, ci ho provato in tutti i modi a essere davanti a tutti - le parole a caldo di Bagnaia - Martin mi ha poi superato e ho pensato di gestire le gomme per dare tutto nella seconda parte. Stavo recuperando e ho notato che Jorge Martin faceva qualche errorino e poi è caduto a due giri dalla fine. È la mia prima vittoria al Sachsenring e sono molto contento". "Prima o poi uno dei due doveva far qualcosa - ha aggiunto poi ai microfoni di Sky Bagnaia - Negli ultimi 10 giri abbiamo spinto con gomme al limite, non avevamo più trazione e stavamo girando fortissimo. Nel giro prima in cui è caduto Martin, ho perso il davanti anch'io, ero veramente al limite. Io ho semplicemente pensato di non mollare fino alla fine e lo stesso lui. E alla fine sono rimasto in piedi io". Accarezzava la doppietta Sprint-gran premio e l'allungo in classifica Martin, invece a poche curve dalla fine è arrivato l'errore che non ti aspetti che ha aperto la strada al rivale Bagnaia. Ora il motomondiale si prende una pausa fino al fine settimana di Silverstone a inizio agosto e Bagnaia - che il prossimo 20 luglio sposerà a Pesaro la storica fidanzata, Domizia Castagnini - si gode il regalo inatteso. Martin partiva dalla pole ed è stato al comando fino all'errore, Bagnaia, dalla seconda fila e si era messo all'inseguimento tallonando lo spagnolo fin dalle prime battute. Lo spagnolo è comprensibilmente amareggiato: "Difficile accettare una caduta dopo 27 giri in testa - ha commentato ai microfoni di Sky Sport - mi sento forte ma ho sbagliato un'altra volta e devo capire perché". Festeggia il secondo posto Marc Marquez, che dopo lo spaventoso incidente di venerdì e il 13/o posto in qualifica ha avuto la forza di rimontare fino al podio. Quarto Enea Bastianini, che nel finale è riuscito ad avere la meglio su un combattivo Franco Morbidelli. Aveva previsto un dominio Ducati Bagnaia, e dominio è stato con cinque moto nei primi cinque posti. A cinque secondi da Morbidelli ha chiuso Oliveira con la prima Aprilia, quella team Trackhouse, davanti alla Ktm di Acosta. In top 10 anche Marco Bezzecchi con la prima Ducati VR46, Binder con la Ktm ufficiale e Raul Fernandez con l'altra Trackhouse. Gara da dimenticare invece per l'Aprilia ufficiale di Vinales, finito lungo nella ghiaia dopo una manciata di giri e solo 12/o al traguardo. Sfortunato Fabio Di Giannantonio, costretto al ritiro per una foratura. (ANSA).

 

Auto nel lago a Montefano, gesto volontario di due anziani

(ANSA) - MACERATA, 07 LUG - Le vittime del lago di Montefano sono due anziani di Filottrano. La donna di 84 anni e il marito di 92. I carabinieri hanno appurato che è trattato di un gesto volontario, l'anziana aveva da tempo problemi di salute e l'anziano marito non era più in grado di sopportarne il peso. Arrivati al laghetto si sono lanciati nel lago. Due giovani presenti sulla riva si sono subito tuffati per soccorrerli ma senza riuscire ad aprire le portiere dell'auto. I corpi delle due vittime sono stati estratti dai vigili del fuoco che hanno anche recuperato l'autovettura. Sulle motivazioni del gesto gli inquirenti non hanno dubbi, il magistrato, Rosanna Puccini, ha disposto la consegna delle spoglie alla famiglia. Per le operazioni di recupero dei due corpi all'interno è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco di cinque persone, due del comando di Ancona con autogru e tre sommozzatori di Teramo. (ANSA).

 

Auto contro muro, muore bimba di tre anni nel Palermitano

(ANSA) - VILLABATE, 07 LUG - La scorsa notte a Villabate, alle porte di Palermo, una bambina di tre anni è morta in un incidente stradale. L'auto, una Volkswagen Polo, condotta dal padre della piccola, un quarantenne , è finita contro un muro in via Natta. La bambina, Aurora, viaggiava con la famiflia: con lei c'erano anche la madre e il fratellino gemello, rimasti illesi come il padre. Indagano i carabinieri. Secondo le prime indagini condotte dai militari, il padre della bimba, alla guida della Volkswagen, aveva un tasso alcolemico superiore al limite di 0,50 microgrammi per litro. Guidava senza patente, perché ritirata, e la vettura era senza assicurazione. I carabinieri della compagnia di Misilmeri stanno cercando di capire la dinamica dell'incidente per stabilire come sia morta la piccola Aurora. La salma si trova all'istituto di medicina legale per eseguire l'autopsia disposta dalla procura. (ANSA).

 

Francia: seggi aperti per il secondo turno delle legislative

(ANSA-AFP) - PARIGI, 07 LUG - Seggi elettorali aperti in Francia da questa mattina per il secondo turno delle legislative, un voto storico che potrebbe vedere la vittoria dell'estrema destra, con grande incertezza, però, sulla sua capacità di ottenere la maggioranza assoluta dei deputati e poter formare un governo. Si vota fino alle 18:00, o alle 20:00 nelle grandi città. Anche oggi è prevista una forte affluenza dopo il 66,7% registrato al primo turno domenica scorsa. (ANSA-AFP). (ANSA).

 

Euro 24: Olanda ribalta la Turchia, Orange in semifinale

(ANSA) - ROMA, 06 LUG - Bella, mai doma e capace di reagire. Dopo un primo tempo chiuso in svantaggio ed un avvio di ripresa in cui ha rischiato il tracollo, l'Olanda si riprende e negli ultimi venti minuti della partita all'Olypiastadion di Berlino ribalta la Turchia conquistando una semifinale che mancava agli Orange da tantissimo tempo e che promette altro spettacolo contro l'Inghilterra. A portare avanti Calhanoglu e compagni è il prepotente colpo di testa di Akaydin nel primo tempo che cancella di colpo il buon avvio degli Orange. Nella ripresa la Nazionale della mezzaluna e della stella sfiora il raddoppio ma poi col passare dei minuti concede troppo campo alla squadra di Koeman che pareggia con l'interista De Vrij e passa avanti con l'autogol di Mert Muldur per il definitivo 2-1 che vale la super sfida con gli inglesi a Dortmund per giocarsi la finalissima di Euro 2024. Prepartita a Berlino caratterizzato dal fermo da parte della polizia tedesca di un corteo di tifosi turchi che mentre sfilavano in strada facevano il 'saluto dei lupi grigi' associato a un movimento di estrema destra, lo stesso gesto che ha portato alla squalifica del giocatore turco Demiral. In un Olympiastadion sold out, dove a vedere la Turchia c'è anche il presidente Erdogan, Vincenzo Montella ritrova Calhanoglu dal primo minuto, mentre Akaydin sostituisce lo squalificato Demiral. Per l'Olanda Koeman schiera Bergwijn con Depay e Gakpo in attacco. Reijnders a centrocampo. Buon inizio, molto aggressivo, da parte dell'Olanda che costringe la Turchia sulla difensiva anche se la squadra di Montella prova a essere pericolosa ogni volta che riparte. Per gli orange si fanno subito sotto Xavi Simons, Dumfries e Ozcan. Col passare del tempo prende campo la Turchia, alla mezz'ora è bello il cross di Hakan Calhanoğlu che dalla trequarti pesca l'inserimento offensivo di BardakcÕ, il difensore allunga la punta del piede, ma spedisce alto. Quello della squadra di Montella l'antipasto del gol che arriva al minuto 35' grazie al colpo di testa di Akaydin. Dagli sviluppi di un calcio d'angolo, palla troppo lunga e addomesticata da Arda Guler che mette in mezzo con il destro, sul secondo palo Akaydin colpisce di testa e mette dentro il vantaggio dei turchi. Ad inizio ripresa Koeman fa un solo cambio per l'Olanda, esce Bergwijn ed entra Weghorst, ma è la Turchia a cominciare meglio e ad andare vicinissima al 2-0 colpendo il palo sulla punizione calciata benissimo da Arda Güler. Passata la paura di subire il doppio svantaggio, gli orange si scuotono e cominciano a rifarsi vedere dalle parti di Mert Gunok fino a trovare l'-1-1: cross dalla destra di Depay che trova tutto solo dentro l'area Stefan De Vrij, il difensore olandese dell'Inter schiaccia di testa e non lascia scampo al portiere. Raggiunto il pari la squadra di Koeman continua a spingere e la ribalta con l'autogol di Mert Muldur: Simons allarga sulla destra per Dumfries, cross basso sul secondo palo che attraversa tutta l'area piccola e trova proprio Gakpo che vince il duello con Müldür e in qualche modo riesce a toccare in rete. La Turchia prova la controreazione sciupando un paio di grandi occasioni e a Montella e i suoi non resta che assistere alla festa orange per una semifinale con l'Inghilterra che promette spettacolo. (ANSA).

 

Recuperato corpo dell'operaio caduto nell'Adda nove giorni fa

È stato recuperato stamattina nelle acque dell'Adda a Fara Gera d'Adda (Bergamo) il corpo senza vita di Claudio Togni, il tecnico di 59 anni, di Paladina, che era accidentalmente caduto in acqua 9 giorni fa, il 28 giugno, durante alcuni lavori in località Concesa a Trezzo sull'Adda (Milano), nei pressi di una diga. E proprio vicino a un'altra diga, quella tra Fara d'Adda e Cassano d'Adda (Milano), a una decina di chilometri più a valle, il suo corpo è stato recuperato oggi dai vigili del fuoco di Bergamo e Milano. Sul posto sono arrivati anche i familiari e i colleghi del tecnico, oltre ai carabinieri di Cassano d'Adda: la salma è stata portata all'obitorio. (ANSA).