Accoltellato alla gola, fermato per omicidio compagno della ex

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Un tunisino di 56 anni è stato sottoposto a fermo, la scorsa notte, dai Carabinieri, in relazione all'omicidio di Luigi Danesi, accoltellato alla gola sotto casa, ieri, a Cesano Boscone (Milano) e poi deceduto in ospedale. Si tratterebbe del compagno della moglie della vittima. A individuarlo sono stati i militari di Corsico (Milano) che lo hanno fermato come indiziato di delitto per il reato di omicidio aggravato. Luigi Danesi, che aveva 36 anni, e la moglie, di 39, entrambi pregiudicati, si erano sposati in carcere, ma dopo che ne erano usciti non erano andati a vivere insieme, anzi, la donna, secondo indiscrezioni, avrebbe ripreso a frequentare il 56enne oggi fermato, con il quale ha un figlio di 13 anni. (ANSA).

Gallerie

 

Accoltellato alla gola, fermato per omicidio compagno della ex

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Un tunisino di 56 anni è stato sottoposto a fermo, la scorsa notte, dai Carabinieri, in relazione all'omicidio di Luigi Danesi, accoltellato alla gola sotto casa, ieri, a Cesano Boscone (Milano) e poi deceduto in ospedale. Si tratterebbe del compagno della moglie della vittima. A individuarlo sono stati i militari di Corsico (Milano) che lo hanno fermato come indiziato di delitto per il reato di omicidio aggravato. Luigi Danesi, che aveva 36 anni, e la moglie, di 39, entrambi pregiudicati, si erano sposati in carcere, ma dopo che ne erano usciti non erano andati a vivere insieme, anzi, la donna, secondo indiscrezioni, avrebbe ripreso a frequentare il 56enne oggi fermato, con il quale ha un figlio di 13 anni. (ANSA).

 

Droga: corriere in moto si schianta, soccorso e arrestato

(ANSA) - BARI, 20 SET - Si è scontrato con un'auto sulla Statale 16 di Bari mentre era alla guida di una moto a bordo della quale trasportava, in una sacca in plastica, oltre un chilo di cocaina purissima. Il motociclista, un pregiudicato 57enne di Taranto, è stato soccorso e portato in ospedale al Policlinico di Bari, dove è attualmente piantonato nel reparto di terapia intensiva in stato di arresto in flagranza. La vicenda risale alla mezzanotte di ieri. I carabinieri sono intervenuti dopo la segnalazione di un grave incedente stradale tra un'auto e una moto all'altezza dello svincolo che porta al Palaghiaccio, nel quartiere Japigia. Durante i soccorsi il 57enne "nonostante fosse disorientato, ferito e in gravi condizioni - spiegano gli investigatori - non voleva mollare una busta di plastica che stringeva forte a sé, tanto che i sanitari, per potergli prestare il primo soccorso, sono stati allora costretti a tagliarla con delle forbici e consegnarla alle forze dell'ordine". Nella sacca i carabinieri hanno trovato la droga, "presumibilmente acquistata nella città metropolitana - ritengono gli investigatori - per essere trasportata a Taranto". (ANSA).

 

Scuola:protesta genitori Bari, 'basta dad e classi pollaio'

(ANSA) - BARI, 20 SET - "Vogliamo una scuola in presenza tutto l'anno". E' lo slogan scritto sulla gran parte degli striscioni comparsi questa mattina sui cancelli di diverse scuole di Bari, in occasione dell'inizio dell'anno scolastico, nell'ambito della mobilitazione organizzata in tutta Italia dall'associazione "Priorità alla Scuola", composta prevalentemente da genitori, che nel pomeriggio a Bari terrà anche una assemblea davanti all'Ufficio scolastico regionale. "Non accetteremo un anno anno 'a singhiozzo' - dicono - vogliamo garanzie di presenza e continuità in tutta Italia e in tutte le scuole di ogni ordine e grado, non vogliamo rivedere lo scempio di Regioni e Comuni che tengono chiuse le nostre scuole secondo il proprio variabile arbitrio e vogliamo l'abrogazione della norma che consente la formazione di classi-pollaio". In una nota l'associazione spiega che "nulla è stato fatto per ridurre gli alunni per classe e per dare più spazi alle scuole, perciò rimane una enorme percentuale di studenti in condizione di affollamento", denunciando che "il piano scuola 2021/22 non ha proposto nessuna soluzione concreta alle carenze strutturali che affliggono la scuola da decenni, ma che sono state e saranno le principali responsabili nell'impedire un'adeguata gestione dell'emergenza sanitaria, con il risultato di comprimere il diritto". "Non è accettabile - concludono - che non sia stata ancora affrontata seriamente la questione trasporti in merito alla loro capienza e frequenza" e "che i protocolli non siano chiari e applicabili su tutto il territorio nazionale uniformemente". (ANSA).

 

Al Festival di Toronto vince Branagh con Belfast

(ANSA) - ROMA, 19 SET - >Belfast, il film più autobiografico di Kenneth Branagh vince il People's Choice Award del Toronto International Film Festival 2021: un riconoscimento che si è dimostrato nella sua storia un'anticamera quasi sicura per le nomination e spesso le vittorie degli Oscar (tra gli altri titoli ai quali è andato negli ultimi dieci anni: Il lato positivo, 12 anni schiavo, The imitation Game, Room, La La land, The Manifesti a Ebbing Missouri, Green Book, JoJo Rabbit e Nomadland) . "La prima proiezione di belfast a Toronto è stata una delle esperienze più memorabili della mia carriera - ha esordito l'attore e regista nel videomessaggio di ringraziamento - . Il fatto che il pubblico canadese si sia relazionato in un modo così profondo alla storia del film ci ha travolto, e ha portato Jamie Dornan (uno dei protagonisti) e me a vivere una serata di risate e lacrime". Per il premio "sono elettrizzato e incredibilmente grato". Al secondo posto nelle graduatorie del pubblico che vota al Festival il People's choice Award, è arrivato Scarborough di Shasha Nakhai e Rich Williamson (che ha conquistato anche la menzione speciale della giuria della sezione Amplify Voices e il Changemaker Award), storia di formazione su tre bambini cresciuti in un quartiere povero di Toronto. Al terzo posto c'è The Power of the dog di Jane Campion. (altro contendente forte ai maggiori premi della stagione, Oscar compresi) già premiato alla Mostra internazionale del Cinema di Venezia con il Leone d'argento per la regia. Fra gli altri riconoscimenti, il People's Choice award per il miglior documentario va a The Rescue di E. Chai Vasarhelyi e Jimmy Chin, mentre il premio del pubblico per la sezione Midnight Madness viene vinto dalla Palma d'oro a Cannes Titane di Julia Ducournau. Quello di Branagh con Belfast è "un ritorno a casa" attraverso un film che ha iniziato a scrivere nelle prime settimane di lockdown. Il cineasta britannico, classe 1960, racconta la sua infanzia nella natia capitale nordirlandese, che la sua famiglia, protestante, ha lasciato nel 1969 per trasferirsi in Inghilterra all'inizio della prima fase dei Troubles, gli scontri fra Irlandesi Cattolici Repubblicani e gli Irlandesi Protestanti Unionisti. Tra gli interpreti, con Dornan, Caitriona Balfe, Judi Dench, Ciaran Hinds, Colin Morgan, e Jude Hill nei panni del piccolo protagonista, Buddy. "Lavorare su Belfast per me ha costituito un ritorno in un luogo di sicurezze in un momento come questo nel quale viviamo una generalizzata incertezza a causa della pandemia - ha spiegato Branagh nell'incontro in streaming organizzato al Tiff -. Volevo tornare a un momento nel quale i miei rapporti con il mondo erano definiti, dove potevo essere me stesso con facilità ed era impossibile perdersi, anche fisicamente, visto che conoscevi mezza città e nell'altra metà c'erano persone con cui sicuramente avresti trovati qualche legame o conoscenza in comune". Il film "è anche un ringraziamento a tutti quelli che hanno vegliato su di me e mi hanno aiutato a crescere in quegli anni". Belfast esplora anche come il conflitto in Irlanda si sia manifestato repentinamente, sconvolgendo la realtà "a cui eravamo abituati. Ho sentito come se mi togliessero il terreno da sotto i piedi, ho iniziato a vedere barricate erette alla fine delle strade dove giocavo". La sua famiglia, "come molte altre ha dovuto imparare a navigare in una realtà del tutto nuova e piena di incognite, qualcosa che penso stiamo vivendo anche in questo periodo di pandemia". Guardando il film "spero che emerga la resilienza, lo humour, la fierezza, la determinazione dei nordirlandesi, dimostrata anche nel sostenere l'accordo di pace raggiunto nel 1998, lasciandosi alle spalle il dolore del passato". (ANSA).

 

Moto: San Marino; Raul Fernandez vince la gara della Moto2

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Lo spagnolo Raul Fernandez, partito dalla pole, ha vinto la gara della Moto2 del gran premio di San Marino. Secondo l'australiano Remy Gardner, terzo un altro spagnolo, Aaron Canet. Migliore degli italiani Marco Bezzecchi, quinto. Fabio Di Giannantonio e Celestino Vietti hanno tagliato il traguardo in nona e decima posizione. A quattro gare dalla fine della stagione, Gardner guida sempre la classifica del mondiale piloti con 271 punti. Secondo Raul Fernandez con 237. (ANSA).

 

Atletica: maratona di Roma al keniano Kiprono

(ANSA) - ROMA, 19 SET - La 26/a edizione di Acea Run Rome The Marathon è stata vinta dal keniano Clement Langat Kiprono in 2h08'23". Secondo il tanzaniano Emmanuel Naibei in 2h08'28". Chiude il podio l'etiope Deresa Ulfata Geleta in 2h08'42". Festeggia il compleanno tagliando il traguardo in 2h22'47" come primo italiano Michele Palamini. L'attesissimo ultramaratoneta Giorgio Calcaterra ha concluso in 2h42'05". Bandiera keniana sul gradino più alto anche nella gara femminile, vinta da Peris Lagat Cherono in 2h29'29". Sempre keniana la seconda classificata, Judith Jurubet in 2h30'50". Terzo posto per l'etiope Jifar Fantu Zewude in 2h32'02". (ANSA).

 

Torino: Lo Russo, 'sindaco della notte' è una leva da usare

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Occorre ripensare e riorganizzare la vita notturna: si tratta di temi concreti come convivenza civile, economia notturna, salute pubblica, spazi urbani e mobilità. Aspetti, economici e sociali, dei luoghi in cui abitiamo. La creazione di una figura che se ne occupi in modo stabile e continuato potrebbe essere un inizio, una leva nuova da usare". A condividere la proposta dei Radicali di un "Sindaco della notte" a Torino è il candidato sindaco del centrosinistra Stefano Lo Russo. Su Facebook, Lo Russo ne parla come di una figura in grado di "mediare e conciliare le differenti necessità di divertimento e di riposo, garantendo il giusto equilibrio e distribuzione degli spazi", e di "un soggetto che cooperi e coadiuvi il primo cittadino ma che sia anche interlocutore unico su tutto ciò che riguarda i temi notturni, che abbia contezza, informazione, responsabilità nelle vicende che attengono la gestione della città al calare del sole". Lo Russo ricorda che "sono tante le città che stanno sperimentando questo profilo: Londra, Zurigo, Berlino, Parigi". "Anche Torino - conclude - deve affrontare il tema in modo strutturale". (ANSA).

 

Napoli, si ripete prodigio liquefazione sangue San Gennaro

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Si è ripetuto a Napoli il prodigio del 'miracolo' di San Gennaro. L'annuncio della liquefazione del sangue è stato dato alle 10 in Duomo. "Il sangue si è sciolto" ha annunciato ai fedeli l'arcivescovo di Napoli, monsignor Domenico Battaglia. L'annuncio è stato accolto dall'applauso dei fedeli. In virtù delle norme anti covid sono stati ammessi 450 fedeli mentre 200 sul sagrato. Il ripetersi del 'miracolo' è letto come un buon auspicio per Napoli e la Campania. Il miracolo avviene tre volte l'anno: il 19 settembre, nel giorno di San Gennaro, il sabato che precede la prima domenica di maggio, e il 16 dicembre. (ANSA).

 

Al Museo del '900 di Milano la milionaria collezione Mattioli

(ANSA) - MILANO, 19 SET - Il museo del Novecento di Milano ospiterà la collezione Mattioli, la più importante collezione al mondo di opere futuriste e dell'avanguardia italiana di inizio '900 Dichiarata indivisibile e insostituibile dallo Stato nel 1973, è formata da 26 opere fra cui Materia di Boccioni, e lavori di Balla, Carrà, Morandi e Modigliani. La collezione, che ha un valore assicurativo di quasi 143 milioni è stata ceduta in comodato gratuito per 5 anni rinnovabili. Così "il museo del 900 diventa il più importante al mondo sul futurismo" dice all'ANSA Anna Maria Montaldo, direttrice del polo arte moderna e contemporanea del Comune. L'importanza della cessione non sta solo nel valore in sé delle opere - fra cui 'Mercurio passa davanti al sole' di Giacomo Balla, 'Manifestazione interventista' di Carlo Carrà, 'Bottiglie e fruttiera' di Giorgio Morandi e 'Composizione con elica' di Mario Sironi - ma nel fatto che arricchiscono e completano una collezione già di grande valore. 'Ballerina blu' di Gino Severini, ad esempio, si aggiungerà alla 'Ballerina bianca' già presente. In termini calcistici, sarebbe come unire Messi a una grande squadra dove già gioca Ronaldo. Dal 1997 al 2015 la collezione Mattioli è stata esposta al Peggy Guggenheim Museum di Venezia. E' invece del 2017 l'annuncio che sarebbe andata per due anni a Palazzo Citterio, cioè lo spazio dedicato al Novecento di Brera, che però non è ancora pronto per l'apertura. Al momento le opere sono esposte al Museo Russo di San Pietroburgo, come parte fondamentale della mostra 'Futurismo italiano della collezione Mattioli. Cubofuturismo russo del Museo Russo e collezioni private'. A Milano arriveranno la prossima primavera e "la prospettiva - rivela Montaldo - è di presentare la galleria del futurismo con la collezione Mattioli nell'ottobre 2022". (ANSA).

 

Vaccini: Open Night in piazza a Cagliari, migliaia in fila

(ANSA) - CAGLIARI, 18 SET - Oltre un migliaio di persone in fila a Cagliari per il vaccino in piazza senza prenotazione. Un successo per l'Ats, che aveva promosso l'Open night and day prevedendo circa cinquecento dosi da somministrare: da qualche ora gli operatori stanno facendo la spola con l'hub della Fiera per mettere a disposizione vaccini aggiuntivi. In piazza Garibaldi, area nelle scorse settimane occupata dalle manifestazioni dei no vax, è stata allestita una piccola cittadella sanitaria temporanea con gazebo e stand per l'accoglienza, l'anamnesi le somministrazione. E il periodo post iniezione che può variare dai quindici ai trenta minuti. Lunga e composita la fila: parte dalla vicina via Alghero e arriva sino alla piazza Garibaldi snodandosi per circa duecento-trecento metri. Coinvolti circa cinquanta operatori tra medici e infermieri. La serata è accompagnata da alcuni performer che si stanno esibendo in un happening teatrale. L'iniziativa è rivolta a tutti, anche ai non residenti e a stranieri che sono stati invitati all'evento con delle card (anche social) tradotte in otto lingue: si punta a consolidare, assieme all'attività degli hub e dei punti di vaccinazione territoriale, l'accelerazione della campagna vaccinale. L'organizzazione prevede una postazione mobile per la preparazione dei vaccini, 3 postazioni di accettazione, 5 di anamnesi e valutazione clinica, 4 sedi di somministrazione e due di registrazione delle vaccinazioni. Alla fine del percorso è stata creata un'area di osservazione con una postazione di emergenza - urgenza. "Le aspettative sono state superate - ha detto all'ANSA il commissario straordinario Ats Massimo Temussi - forse la corsa a essere pronti per il 15 ottobre ci ha agevolato. Ma rimane il fatto che ancora una volta la squadra ha dimostrato di essere la sesta in Italia". Manifestazione contemporanea dei no vax a qualche centinaio di metri: sulle scalinate del Bastione e nel marciapiede antistante circa 200 persone. "Come mai l'80% della popolazione sta andando a vaccinarsi? - è stato detto al microfono - perché stanno usando tecniche di manipolazione di massa. Ecco perché stanno andando a pungersi". (ANSA).