Esemplare Caretta Caretta salvata dalla Guardia di finanza

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 25 MAG - Una tartaruga Caretta Caretta in evidente stato di difficoltà è stata recuperata in mare, a circa un miglio nautico dalle coste di Briatico, nel vibonese, da un Guardacoste della Guardia di finanza in servizio di pattugliamento, che l'ha tratta in salvo dopo averla avvistata con l'aiuto del Nucleo sommozzatori della Stazione navale di Vibo Valentia. Recuperata a bordo del gommone del Corpo, la tartaruga è stata poi trasportata nel porto di Vibo Valentia ed affidata alle cure del veterinario dell'Asp e dei professionisti del Centro recupero tartarughe e animali marini di Montepaone (Catanzaro). L'esemplare, incluso nella convenzione Cites e nella Red list della International union for the conservation of nature, è considerata specie vulnerabile per il rischio estinzione e,...

Gallerie

 

Esemplare Caretta Caretta salvata dalla Guardia di finanza

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 25 MAG - Una tartaruga Caretta Caretta in evidente stato di difficoltà è stata recuperata in mare, a circa un miglio nautico dalle coste di Briatico, nel vibonese, da un Guardacoste della Guardia di finanza in servizio di pattugliamento, che l'ha tratta in salvo dopo averla avvistata con l'aiuto del Nucleo sommozzatori della Stazione navale di Vibo Valentia. Recuperata a bordo del gommone del Corpo, la tartaruga è stata poi trasportata nel porto di Vibo Valentia ed affidata alle cure del veterinario dell'Asp e dei professionisti del Centro recupero tartarughe e animali marini di Montepaone (Catanzaro). L'esemplare, incluso nella convenzione Cites e nella Red list della International union for the conservation of nature, è considerata specie vulnerabile per il rischio estinzione e, l'intervento dei finanzieri ha permesso di evitare conseguenze letali per l'animale, già fortemente debilitato. I finanzieri della Stazione Navale di Vibo Valentia hanno avvistato a poca distanza dalle coste di Briatico l'esemplare. Informata la Capitaneria di porto al fine di predisporre l'intervento del veterinario, la tartaruga dopo la visita da parte dello stesso è stata affidata al personale del Centro specializzato catanzarese, per essere sottoposta ad approfondimenti diagnostici. L'animale è risultato essere una tartaruga comune caretta caretta, di sesso femminile. (ANSA).

 

Angela, Pompei ti da una carezza e poi lo schiaffo

(di Daniela Giammusso) (ANSA) - ROMA, 25 MAG - Lo stupore davanti alla brocca che riemerge, perfettamente intatta come duemila anni fa, con il bronzo diventato lucente azzurrite. La meraviglia degli affreschi con Andromeda e Perseo che ha appena reciso la testa di Medusa. E poi la disperazione di quella mano che riemerge dalla sabbia, ancora in cerca di salvezza, mentre la corrente di lava e lapilli l'ha ormai fatalmente travolta. "Pompei è così, ti da una carezza e poi lo schiaffo. È il bellissimo e poi la morte. La nascita e la fine - racconta Alberto Angela - È parlare di 'loro' e parlare di noi". Questa volta, assicura, "ho voluto mostrarla come mai prima". Nasce così Pompei. Le nuove scoperte, speciale Meraviglie prodotto da Rai Cultura in collaborazione con il Parco Archeologico e il Ministero della cultura, in onda lunedì 27 maggio alle 21.25 su Rai1, che non solo svela al pubblico nuovi affascinanti ritrovamenti, alcuni mai mostrarti prima. Ma lo fa con un unico piano sequenza, quella tecnica cara a Maestri del cinema come Robert Altman, in cui la macchina da presa non "stacca" mai e riprende in tempo reale ciò che accade, dall'inizio alla fine. Ne è nata una passeggiata lunga due ore e dieci minuti per tre chilometri, in cui sembra davvero di essere accanto ad Angela mentre incontra archeologi, restauratori e il direttore del Parco Gabriel Zuchtriegel in una privatissima visita al sito. "Ho 62 anni e qualche anno di tv alle spalle. Ma ancora accetto le sfide", sorride lui raccontando il lavoro con il Centro di produzione Rai di Napoli. "Abbiamo preparato lo speciale passo passo, nessuno poteva sbagliare. Per tre volte saliamo su una gru alta otto metri. La telecamera da lì si sgancia e va sul corpetto dell'operatore. Per due volte saliamo su un veicolo. Intorno a me, 14 microfoni e un team di 50 persone che si nasconde per non entrare nell'inquadratura. A Pompei attualmente ci sono 28 cantieri, dei quali 10 di scavo. Ogni volta emergeva qualcosa di nuovo, in diretta. Alcune cose non le abbiamo potute mostrare, vanno ancora studiate. Ma anche io vengo dagli scavi e credo molto nei giovani: mi premeva raccontare il lavoro di questi ragazzi e ragazze che con il freddo, la pioggia, il sole, sono lì a far riemergere la storia e tanta bellezza". "Oggi - conferma Zuchtriegel - abbiamo un'area di scavo grande come mai negli ultimi 60 anni, con 300 persone al lavoro più gli addetti negli uffici. Due terzi di quello che vedrete sono cose inedite ed è una soddisfazione raccontare tutto il lavoro che c'è dietro". Sarà dunque come attraversare l'antica città sommersa dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C vedendo risorgere la vita dal passato, dall'Odeion, il più piccolo dei teatri della città, all'Insula dei Casti Amanti, che aprirà al pubblico solo dal 28 maggio. E poi l'emozione dei disegni di un bambino di duemila anni fa, la Regio IX, uno dei distretti ancora non interamente riportati alla luce, la Casa del Larario e la tecnica dei calchi dei corpi ritrovati ("per me il momento più emozionante", dice Angela). E ancora, la ricchissima Casa di Leda, la Casa degli amorini dorati e la Casa dei Vetti, dove "data l'ora, abbiamo potuto mostrare anche le rappresentazioni erotiche". Lo Speciale va in onda nei giorni delle nuove scosse ai Campi Flegrei. "Il Vesuvio al tempo era solo un monte ricoperto di boschi - dice Angela - Nessuno sapeva di essere di fronte a un vulcano, ne' aveva i mezzi tecnico-scientifici. Noi invece si e io mi fido molto dei vulcanologi". "Alberto Angela incarna i valori del servizio pubblico ma poi ha la caratteristica di sfidare sempre se stesso - commenta la direttrice di Rai Cultura ed Educational Silvia Calandrelli - Ha realizzato un lavoro straordinario, e stiamo già lavorando per l'internazionalizzazione dello Speciale". (ANSA).

 

Musumeci, presentato a Regioni e Comuni piano sui Campi Flegrei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Ho voluto incontrare oggi i sindaci e il vice presidente della Regione Campania, assieme al prefetto di Napoli e ai capi dipartimento Protezione civile e Casa Italia, per illustrare il Piano degli ulteriori provvedimenti che sono all'esame del governo Meloni sui Campi Flegrei, già anticipati nella conferenza stampa che ho tenuto mercoledì scorso. Sintetizzo: più celeri e approfondite verifiche dei livelli di vulnerabilità del patrimonio immobiliare pubblico e privato ricadente nell'area ristretta del bradisismo; interventi di rafforzamento antisismico delle infrastrutture strategiche pubbliche, a cominciare dalle scuole; contributi per l'adeguamento antisismico delle abitazioni private ricadenti nelle zone di elevato rischio, esclusi gli edifici abusivi e le seconde case". Lo rende noto il ministro per la Protezione civile Nello Musumeci dopo l'incontro avuto oggi a Palazzo Chigi con i sindaci di Napoli, Pozzuoli e Bacoli e il vicepresidente della Regione Campania. Nell'incontro si è affrontato anche il tema della intensificazione della prevenzione non strutturale, con informazioni ed esercitazioni che coinvolgano quanti più abitanti e dei possibili incentivi finanziari per le famiglie che intendano delocalizzare da aree ad elevato rischio in aree esterne al perimetro del rischio bradisismico e vulcanico. Infine, divieto di costruzione di nuove unità abitative, fino a quando la Regione Campania non avrà legiferato sulla materia. Questi interventi, sottolinea Musumeci, "fanno seguito a quelli già previsti dal decreto legge sui Campi Flegrei approvato nell'ottobre dello scorso anno e in fase di realizzazione. Nei prossimi giorni, verificata la risorsa finanziaria necessaria complessiva e per i primi interventi, porterò le proposte all'esame del Consiglio dei ministri". (ANSA).

 

Rasoulof, attraversando il confine mi sono detto, tornerò

(ANSA-AFP) - CANNES, 24 MAG - "Quando stavo attraversando il confine, mi sono girato, ho dato un'ultima occhiata alla mia terra natale e ho pensato 'ci tornerò'. Penso che tutti gli iraniani che sono dovuti partire a causa del regime totalitario tengano una valigia pronta a casa, nella speranza che le cose migliorino": così - riferisce la France Presse - Mohammad Rasoulof oggi al Festival di Cannes dove ha presentato in concorso The Seed of the Sacred Fig. Per il regista dissidente, riuscito a fuggire clandestinamente dal regime di Teheran, standing ovation al Gran Théâtre Lumiere dove è in corso la proiezione ufficiale del film.Sul tappeto rosso e poi nella sala, Rasoulof ha mostrato le foto di due dei suoi attori principali, Missagh Zareh e Soheila Golestani, mentre è salito sulla la Montée des marches al fianco dell'attrice iraniana Golshifteh Farahani, che vive in esilio in Francia da circa quindici anni. Era anche accompagnato da sua figlia Baran, quasi un passaggio di testimone simbolico dato che quest'ultima aveva ricevuto l'Orso d'Oro a Berlino per conto di suo padre quattro anni fa. Mohammad Rasoulof non era presente a Cannes dal 2017, quando aveva ricevuto un premio a Un Certain Regard per Un homme integre. L'anno scorso poi gli era stato impedito di partecipare al festival come membro di giuria della stessa sezione parallela. (ANSA-AFP).

 

Rasoulof a Cannes con le foto degli attori "rimasti" in Iran

(ANSA) - CANNES, 24 MAG - Il regista Mohammad Rasoulof al festival di Cannes con le immagini degli attori che non posso lasciare l'Iran. Per Il seme del fico sacro, in anteprima mondiale oggi a Cannes, Rasoulof, fuggito dal suo paese in Europa dopo una condanna a otto anni di carcere e a fustigazione per collusione contro la sicurezza nazionale, ha fatto la Montee des Marches al Grand Theatre Lumiere tenendo in mano le immagini dei suoi attori che non hanno potuto accompagnare il film, né lasciare il paese: Missagh Zareh e Soheila Golestani, i due protagonisti principali. Con Rasoulof, che attira così l'attenzione internazionale sul regime del suo paese, non senza ulteriori pericoli per se stesso, c'era Golshifteh Farahani, l'attrice iraniana naturalizzata francese. (ANSA).

 

Conte, reddito cittadinanza Ue sia imposto anche in Italia

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - "Noi avremo come M5s degli europarlamentari che si batteranno con una tenacia e una determinazione incredibili per introdurre anche a livello europeo un reddito di cittadinanza che venga imposto anche in Italia, visto che l'hanno voluto smantellare". Lo ha detto il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, a margine del suo incontro con i cittadini al mercato di Casoria, in provincia di Napoli. "Ci batteremo - dice Conte che era insieme ai candidati del M5S alle europee - anche per la decontribuzione Sud, una misura che taglia il costo del lavoro per tutti gli imprenditori del Mezzogiorno. Questo governo non ha fatto nulla, lo ha fatto decadere, siamo alla follia totale, addirittura misure per cui noi ci siamo battuti come leoni, le abbiamo introdotte e loro non le stanno rinegoziando, sono degli incapaci su tutto. Ci batteremo perché il Sud e tutte le persone del Nord che hanno raziocinio e una visione italiana d'insieme contrastino questa autonomia differenziata, che avrà il solo obiettivo di rafforzare apparentemente qualche Regione del Nord ma impoverendo tutta l'Italia con un disastro per la sanità, l'istruzione, i trasporti e le infrastrutture nel Sud". (ANSA).

 

Nuoto: Si ritira a 22 anni olimpionica australiana Hodges

(ANSA-AFP) - SYDNEY, 24 MAG - La 22enne Chelsea Hodges, medaglia d'oro a Tokyo 2020 con l'Australia nella staffetta 4x100 mista, si ritira all'attività agonistica. Lo ha annunciato lei stessa, motivando la decisione con i persistenti problemi fisici con cui deve fare i conti. "Ho le anche di una donna di 60 anni. Avrei voluto concedermi un'ultima chance ai Giochi di Parigi, ma dopo aver fatto sei iniezioni di cortisone ho dovuto prendere una decisione sul mio avvenire", ha spiegato Hodges rivelando poi di essersi sottoposta già a due operazioni, una quando aveva 15 anni e l'altra l'anno scorso. L'annuncio di Hodges precede quindi di un mese quello del comitato olimpico australiano che a giugno ufficializzerà la squadra per Parigi 2024. Intanto però per la 22enne Hodges, ha detto il ct della nazionale 'aussie' di nuoto Rohan Taylor, "ci sarà un posto in federazione. Ha fatto il massimo per essere a Parigi, ma non può. Però merita comunque un riconoscimento per la sua meravigliosa carriera". (ANSA-AFP). (ANSA).

 

In vendita la villa di Chiara Ferragni e Fedez sul lago di Como

(ANSA) - COMO, 24 MAG - Chiara Ferragni e Fedez hanno messo in vendita la villa sul lago di Como, acquistata neanche un anno fa per cinque milioni di euro. A diffondere la notizia, pubblicata su alcuni giornali, è stata per prima Selvaggia Lucarelli sui suoi profili social citando la app di Chiusano Immobiliare che starebbe gestendo la compravendita. Nel luglio dello scorso anno l'allora coppia più social d'Italia aveva condiviso molte foto della dimora di lusso, comprese quelle di loro due abbracciati nella piscina a sfioro sul lago di Como. La villa di circa 400 metri quadri è distribuita su due piani. "Our dream", scriveva Chiara Ferragni su Instagram. Con la fine della storia d'amore, è finito anche il sogno della casa. (ANSA).

 

Niente Dante per due studenti musulmani, il prof li esenta

(ANSA) - TREVISO, 24 MAG - Due studenti di religione musulmana di una scuola media sono stati esentati dal seguire le lezioni sulla Divina Commedia di Dante, trattandosi di un'opera a sfondo religioso, in contrasto con la fede dei due ragazzi. E' accaduto a Treviso. Si tratta di due alunni di terza media. Tutto sarebbe nato dallo scrupolo del professore che, nell'affrontar lo studio del capolavoro della letteratura italiana, in cui si incontrano Infermo, Purgatorio e Paradiso, ha scritto alle famiglie i cui figli sono già esonerati dall'ora di religione, per chiede il consenso a trattare con loro un'opera a sfondo religioso. E qui le famiglie hanno chiesto che i due ragazzi fossero esentati dallo studio di Dante. Verranno così dispensati dai compiti in classe e dalle interrogazioni. Per loro l'insegnante ha organizzato un programma parallelo alternativo, dedicato a Boccaccio. Non è il primo caso in cui, anche a scuola, Dante entra in collisione con l'Islam, basti pensare alla figura di Maometto, che il Sommo Poeta incontra all'inferno, nella nona bolgia dell'ottavo cerchio. (ANSA).