Damiano Tommasi è il nuovo sindaco di Verona

(ANSA) - VERONA, 27 GIU - Damiano Tommasi, del centrosinistra, è il nuovo sindaco di Verona. Alla chiusura dello scrutinio ha conquistato il 53,34% dei consensi nel ballottaggio, contro Federico Sboarina (centrodestra) fermatosi al 46,66%. Il centrosinistra non conquistava la maggioranza e la poltrona di sindaco a Verona da 15 anni. "Mi auguro che la gente possa prendersi il ruolo di protagonista a Verona, perchè la città lo merita. Io spero di essere parte di questo progetto in maniera importante" sono state le prime parole del neo sindaco. "Tutto questo entusiasmo - ha aggiunto Tommasi, sovrastato dall'esultanza dei sostenitori - si spiega con il fatto che non era semplice, e non lo sarà. Ma ci siamo messi in gioco per fare una cosa che Verona aspettava da tempo. E siamo pronti anche alle cose...

Gallerie

 

Damiano Tommasi è il nuovo sindaco di Verona

(ANSA) - VERONA, 27 GIU - Damiano Tommasi, del centrosinistra, è il nuovo sindaco di Verona. Alla chiusura dello scrutinio ha conquistato il 53,34% dei consensi nel ballottaggio, contro Federico Sboarina (centrodestra) fermatosi al 46,66%. Il centrosinistra non conquistava la maggioranza e la poltrona di sindaco a Verona da 15 anni. "Mi auguro che la gente possa prendersi il ruolo di protagonista a Verona, perchè la città lo merita. Io spero di essere parte di questo progetto in maniera importante" sono state le prime parole del neo sindaco. "Tutto questo entusiasmo - ha aggiunto Tommasi, sovrastato dall'esultanza dei sostenitori - si spiega con il fatto che non era semplice, e non lo sarà. Ma ci siamo messi in gioco per fare una cosa che Verona aspettava da tempo. E siamo pronti anche alle cose difficili". (ANSA).

 

Scholz, appoggio a Kiev ma evitare conflitto Nato-Mosca

(ANSA) - ELMAU, 27 GIU - "Abbiamo parlato del sostegno all'Ucraina e del fatto che, con misure toste, faremo tutto il possibile per appoggiarla. Ma abbiamo anche sottolineato il fatto che eviteremo un conflitto fra Nato e Russia". Lo ha detto il cancelliere Olaf Scholz, a margine di una bilaterale con il canadese Justin Trudeau al G7 di Elmau. I due leader hanno fatto una passeggiata insieme nel parco del castello, confrontandosi sulle principali sfide all'ordine del giorno al G7. (ANSA).

 

Nuoto: Mondiali; Paltrinieri d'argento nella 5 km

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Gregorio Paltrinieri, dopo il bronzo in staffetta di ieri, ha vinto l'argento nella 5 chilometri del Mondiale sul Lupa Lake, lasciando spazio solo all'olimpionico tedesco Florian Welabrock, che si è imposto per la prima volta nella distanza iridata con un'azione in solitaria, chiudendo in 52"48. Il ventottenne carpigiano ha chiuso in 52"52 a +3"9. Ha completato il podio l'ucraino Mykhailo Romanchuck, per la prima volta in una gara di fondo, terzo e staccato di 25"1 dal vincitore. (ANSA).

 

Ribaltone a Lucca, centrodestra unito vince con Pardini

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - Vince in volata in piena notte a Lucca - e provoca il ribaltone a favore del centrodestra -, l'imprenditore Mario Pardini, 49 anni, che in ore di polemiche sui moderati divisi e perdenti in Italia, qui dà l'eccezione che conferma la regola. Pardini ha saputo riunire con sé voti di centro, di destra e pure di estrema destra come Casapound. Erano consensi sparsi al primo turno in altre candidature. Pardini (51,03%) ha dato due punti di scarto sull'uomo Pd-Sinistra- Verdi Francesco Raspini (48,97%), che pure ha ricevuto energiche investiture sul campo dal suo leader di partito Enrico Letta e anche da Carlo Calenda, venuti a Lucca a sostenerlo di persona, oltreché da un appello di intellettuali. Invece Pardini porta in Comune una maggioranza molto connotata: oltre a Fdi, Lega, Fi, Udc, alla sua civica, dovrà tener conto del sostegno di candidati che si erano presentati con liste civiche di destra e di movimentismi trasversali della galassia No vax e No pass. Inoltre Pardini aveva ricevuto indicazione di voto dal direttore di orchestra Alberto Veronesi, candidato con Rinascimento Sgarbi, Iv +Europa e Azione al primo turno. A Carrara larga vittoria della sinistra con Pd, Pri, Europa Verde e Sinistra Civica Ecologista che hanno sostenuto dall'inizio Serena Arrighi, 50 anni, imprenditrice nell'informatica. Arrighi chiude la parentesi di una giunta comunale Cinque Stelle. Ha prevalso col 57,79% (12.468 voti) sul candidato del centrodestra Simone Caffaz (Lega, Fdi, Fi, Socialisti, liste civiche) fermo al 42,21% (9.106 voti), al quale non è servito il sostegno di Cosimo Ferri (sostenuto da Italia Viva-Psi aveva preso il 15% al primo turno), decisione che ha acceso polemiche nel centrosinistra. Il Movimento 5 Stelle aveva lasciato libero il proprio elettorato di scegliere se andare o meno a votare e il Psi (scissosi da Cosimo Ferri di Italia Viva che aveva indicato di votare Caffaz) aveva formalmente dichiarato di preferire Serena Arrighi alla destra. "Da oggi - ha detto Arrighi - iniziamo a scrivere insieme un nuovo capitolo di Carrara. Le persone hanno premiato la nostra coerenza, e quella di un progetto che non abbiamo voluto inquinare con logiche puramente matematiche". (ANSA).

 

Addio a Raffaele La Capria, la sua Napoli sempre nel cuore

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - E' morto, all'età di 99 anni, lo scrittore Raffaele La Capria. Vincitore, tra l'altro del premio Strega nel 1962 con il suo capolavoro 'Feriti a Morte', denuncia del malgoverno partenopeo. Nel 1963 il Leone d'oro al Festival di Venezia per la sceneggiatura di Mani sulla città dell'amico regista Francesco Rosi. Era nato a Napoli nel 1922 e dal 1950 viveva a Roma. (ANSA).

 

Atletica: Trials Usa a Eugene; Lyles vince i 200 in 19"67

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - EUGENE, 26 GIU - Noah Lyles è già in forma mondiale e guarda con fiducia alle gare iridate che si svolgeranno tra una ventina di giorni, sempre a Eugene. Intanto lo sprinter statunitense ha vinto i 200 dei Trials correndo in 19"67 e battendo quell'Erriyon Knighton, 18enne di Tampa, che a maggio di quest'anno ha corso in 19"49. Al terzo posto Fred Kerley , che quindi dopo essersi assicurato un posto nei 100 dei Mondiali ha fatto altrettanto sulla distanza doppia. Lyles ha rimontato dopo che Knighton aveva preso il comando in avvio e dopo aver tagliato il traguardo lo ha indicato con un dito "perché lui mi ha costretto a dare il meglio di me stesso, ma sapevo che lo avrei ripreso". Nei 200 donne si è imposta la campionessa Ncaa Abby Steiner in 21"77, che è il record mondiale stagionale. "In tanti dicevano che durante la stagione universitaria - il suo commento - avevo bruciato troppe energie, e quindi qui ne avrei risentito. Oggi ho dato la risposta. Il mio coach e io pensiamo di essere sulla strada giusta". (ANSA-AFP). (ANSA).

 

M5s: capogruppo Abruzzo Sara Marcozzi passa con Di Maio

(ANSA) - PESCARA, 27 GIU - Sara Marcozzi, due volte candidata alla Presidenza della Regione Abruzzo con il M5S e capogruppo in questa legislatura, lascia ufficialmente il Movimento e aderisce al nuovo gruppo costituito da Luigi Di Maio. L'annuncio, ampiamente previsto, è arrivato oggi al termine di quello che per la Marcozzi è stato un "travaglio interiore e sofferente, è una scelta inevitabile, soprattutto dopo gli eventi degli ultimi giorni". Marcozzi, storicamente legata a Di Maio, ha spiegato anche che l'uscita di oltre 60 parlamentari, di ex ministri, viceministri e sottosegretari, avrebbe dovuto indurre alla riflessione e all'autocritica. "Invece, purtroppo, si è persa l'ennesima occasione per mostrare maturità politica". In Abruzzo al momento sembrano pochi gli esponenti % Stelle disposti a seguire Luigi Di Maio, specialmente sul territorio, mentre a livello parlamentare le adesioni non sono mancate: insieme a Sara Marcozzi, infatti, con lei nella conferenza stampa di addio al M5s erano presenti il senatore Primo Di Nicola e e il deputato Gianluca Vacca, passati anche loro con Ipf. (ANSA).

 

Catanzaro: festa per Fiorita sindaco sino a tarda notte

(ANSA) - CATANZARO, 27 GIU - E' andata avanti sino a tarda notte, tra cori ed il canto di "Bella ciao", la festa per le strade di Catanzaro dei sostenitori di Nicola Fiorita, espressione di liste civiche e del campo largo auspicato da Letta a livello nazionale con Pd e M5S, eletto sindaco con il 58,24% dei voti. Una vittoria in rimonta che gli ha consentito di superare lo sfidante, il civico ex Pd Valerio Donato, sostenuto da Lega e Forza Italia, ma senza simboli, da forze di centrosinistra e, al ballottaggio, anche da Fdi ma senza apparentamento. Fiorita, docente di Diritto canonico e Diritto ecclesiastico all'Unical, ha ottenuto più voti del primo turno, 17.823 contro 14.966, in una tornata con una scarsissima affluenza, 42,22% contro il 65,91% di 15 giorni fa. Una flessione che sicuramente ha favorito il neo-sindaco - insieme alla voglia di cambiamento dell'elettorato dopo 10 anni a guida centrodestra con l'uscente Sergio Abramo e alla frammentazione del centrodestra, schierato su tre candidati - ma che forse non spiega totalmente il dato. Donato, docente di Diritto privato all'università Magna Graecia di Catanzaro, subisce un vero crollo di consensi, passando da 20.768 a 12.778. Un dato sul quale dovrà riflettere insieme alla compagine che lo ha sostenuto. "C'è una sconfitta - il commento di Donato a caldo - e bisogna che se ne prenda atto. Poi ci sarà una valutazione più approfondita e si vedrà se per caso ci sono flussi anomali ma è un po' di dietrologia che vorrei eliminare dalla mia mente in questo momento". "Il centrodestra - la lettura di Fiorita - ha fatto un disastro costruendo un progetto non credibile a cui si è aggiunto all'ultimo momento anche Fdi e questo forse ci ha aiutato. La verità è che questa città voleva cambiare. Voleva sperare e fidarsi di qualcuno". Dopo il ballottaggio, secondo i dati del Viminale, alla coalizione di Donato spetta comunque la maggioranza in Consiglio ottenuta già al primo turno: 17 seggi; 9 vanno alla coalizione di Fiorita e 3 a quella dell'altro candidato di centrodestra, Antonello Talerico, che per il ballottaggio aveva dato indicazione di voto per Fiorita. Il Consiglio è poi completato da Fiorita, Donato, lo stesso Talerico e la deputata di Fdi Wanda Ferro. (ANSA).

 

Ex vigilessa uccisa: in aula a Brescia i 3 accusati reo confessi

(ANSA) - BRESCIA, 27 GIU - È iniziata in tribunale a Brescia l'udienza preliminare per Paola e Silvia Zani e per Mirto Milani, i tre accusati dell'omicidio di Laura Ziliani, l'ex vigilessa di Temù, nel Bresciano. Le due sorelle (figlie della vittima) e Milani, fidanzato della maggiore, in carcere dal settembre scorso, stamani sono presenti in aula. I tre nelle scorse settimane hanno confessato. L'8 maggio di un anno fa Laura Ziliani venne stordita con farmaci a base di benzodiazepine e poi soffocata. Il cadavere fu sepolto vicino al fiume Oglio, dove venne trovato l'8 agosto scorso. L'udienza preliminare potrebbe non terminare oggi ed essere aggiornata al 4 luglio (ANSA).

 

Massini, "Il Campidoglio e le sue storie per ritrovarci"

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Ci "sono qui tante voci e suoni che non sento, ma li percepisco con il mio essere, il mio stare qua, immerso". Parola di Cochise, capo apache negli Usa del 1852, protagonista, attraverso il racconto di Stefano Massini, in apertura dell'evento inedito a Piazza del Campidoglio a Roma "Il Campidoglio e le sue storie". Un ritorno in scena per il drammaturgo a pochi giorni dal suo trionfo ai Tony, dove con The Lehman Trilogy (che diventerà anche una serie tv) ha conquistato il premio per la migliore opera teatrale. L'autore toscano, che ha firmato testi tradotti in 27 lingue messi in scena in tutto il mondo, è il primo italiano a conquistare il riconoscimento. Lo spettacolo romano, prodotto da Frame - Festival della Comunicazione con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura, ideato da Massini insieme a Danco Singer, accompagnato dalle note dell'arpa celtica di Stefano Corsi, mette in scena un "monologo-dialogico" che passa per luoghi e non luoghi, incontri, ritratti e suggestioni letterarie, filosofiche e storiche. E a lui arrivano subito i complimenti via twitter del sindaco Roberto Gualtieri, che posta orgoglioso una foto scattata poco prima dello spettacolo proprio nella piazza del Campidoglio con tutto il team. "Questo è un luogo che in questo momento ci sta parlando, al di là di quell'infima, miserrima gamma di suoni tra lo 0 e i 125 decibel che definiamo voci udibili- scandisce Massini - Qui possiamo ascoltare, andare a fondo, percepire l'eco, il riverbero". Voci "in cui possiamo ritrovare noi stessi". Alternando ironia ("dall'homo sapiens siamo diventati homo pixel, preoccupati solo di fare la foto giusta") a riflessioni (nelle citazioni si va da Stendhal a Marc Augé), Massini viaggia in secoli di storia e arte con continui richiami anche all'oggi, mettendo in rilievo in particolare tante figure di donne vittime di pregiudizi e ingiustizie. (ANSA).