Caput Mundi, 335 interventi per Roma e territorio

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Il restauro conservativo, consolidamento e valorizzazione fra gli altri, delle Mura aureliane e Serviane, dell'insula ara Coeli e dell'acquedotto Claudio; la riqualificazione degli spazi pubblici dell'ex Mattatoio di Testaccio; ; la tutela e restauro delle aree archeologiche di Gabii e Crustumerium; la valorizzazione con tecnologia digitale dei grandi siti archeologici. Sono solo alcuni dei 335 interventi su 283 siti archeologici /culturali di Roma e del Lazio, per il progetto Caput Mundi, per il quale sono stanziati complessivamente 500 milioni (pari al 22% dei fondi totali Pnrr turismo). Un piano di azioni concrete che vuole "valorizzare, preservare, e promuovere per i cittadini e i turisti in arrivo da tutto il mondo sia le aree più conosciute che i siti ancora da scoprire ma...

Gallerie

 

Caput Mundi, 335 interventi per Roma e territorio

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Il restauro conservativo, consolidamento e valorizzazione fra gli altri, delle Mura aureliane e Serviane, dell'insula ara Coeli e dell'acquedotto Claudio; la riqualificazione degli spazi pubblici dell'ex Mattatoio di Testaccio; ; la tutela e restauro delle aree archeologiche di Gabii e Crustumerium; la valorizzazione con tecnologia digitale dei grandi siti archeologici. Sono solo alcuni dei 335 interventi su 283 siti archeologici /culturali di Roma e del Lazio, per il progetto Caput Mundi, per il quale sono stanziati complessivamente 500 milioni (pari al 22% dei fondi totali Pnrr turismo). Un piano di azioni concrete che vuole "valorizzare, preservare, e promuovere per i cittadini e i turisti in arrivo da tutto il mondo sia le aree più conosciute che i siti ancora da scoprire ma altrettanto belli del territorio, in vista di appuntamenti importanti, a partire dal Giubileo del 2025" spiega il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia illustrando il progetto in Campidoglio a Roma insieme al Commissario Straordinario per il Giubileo e Sindaco di Roma Roberto Gualtieri. E' un operazione "davvero di grandissime proporzioni, dedicata al nostro patrimonio artistico, culturale, naturalistico - aggiunge il primo cittadino - a renderlo fruibile da tutti". Il progetto è da realizzarsi a cura di vari soggetti attuatori (Ministero del Turismo, Ministero della Cultura, con il coinvolgimento delle varie Soprintendenze, Parco Archeologico del Colosseo, Parco Archeologico dell'Appia Antica, Diocesi di Roma, Regione Lazio e Roma Capitale), secondo sei linee di intervento: il "Patrimonio Culturale di Roma per EU-Next Generation", con la rigenerazione e il restauro del patrimonio culturale e urbano della città di Roma (52 interventi); Percorsi Giubilari 2025 - dalla Roma Pagana alla Roma Cristiana (149 interventi); #LaCittàCondivisa, per riqualificare il contesto urbano ed extraurbano (61 interventi) #Mitingodiverde, per parchi, giardini storici, ville e fontane (55 interventi); #Amanotesa, per favorire l'offerta culturale nelle periferie e l'integrazione sociale (4 interventi); #Roma 4.0, per la digitalizzazione dei servizi culturali e lo sviluppo di siti e app per turisti (14 interventi). (ANSA).

 

Incendio a Villa Mirabello nel Parco di Monza

(ANSA) - MONZA, 28 GIU - Un rogo è divampato questa mattina all'interno di villa Mirabello, nel Parco di Monza, per cause ancora in via di accertamento. La struttura, chiusa da diverso tempo, sarebbe rimasta lievemente danneggiata. I vigili del fuoco hanno spento le fiamme. Non è escluso che qualcuno si sia introdotto nella villa e abbia appiccato le fiamme, involontariamente o meno. (ANSA).

 

Dottoressa No vax radiata da Ordine Medici

(ANSA) - VENEZIA, 28 GIU - E' stata radiata dall'ordine dei Medici di Venezia la dottoressa Barbara Balanzoni, nota per le sue posizioni no vax, espresse in modo molto deciso sui social durante la pandemia. Balanzoni, che lavora come anestesista in libera professione in varie strutture sanitarie del Nord Italia, ha assunto - scrive l'Ordine - "con toni violenti e aggressivi", una posizione di totale rigetto di tutta la gestione della pandemia, "conducendo una campagna di aggressione verbale contro colleghi, ospedali, il ministero e lo stesso Ordine". La radiazione è stata resa nota dallo stesso medico su twitter con questo commento: "Me ne fotto". (ANSA).

 

Arsenale con armi anche dell'ex Urss, condannato a 8 anni

(ANSA) - MILANO, 28 GIU - Lo scorso novembre era stato fermato per un controllo dalla Polizia e a bordo della sua auto era stato trovato un enorme arsenale di armi da guerra, tra cui "cinque fucili mitragliatori Kalashnikov AK-47", munizioni, "sei granate, una pistola P9 Makarov", proveniente "dagli Arsenali governativi dell'ex Urss", una "pistola" di fabbricazione croata e un'altra pistola "semiautomatica calibro 7.62 modello M57". Per l'uomo, Orazio Nasca, 50 anni, ex vigilante già condannato in passato per concorso in una rapina in cui era stato ucciso anche un carabiniere, è arrivata una nuova condanna a 8 anni di reclusione con rito abbreviato decisa dal gup di Milano Guido Salvini. Nasca non ha mai fornito spiegazioni sui fornitori di quelle armi, né ha mai chiarito a chi fossero destinate. "Oltre al numero e alla quantità delle munizioni sequestrate nonché alla presenza di altri accessori quali il silenziatore - scrive il giudice nelle motivazioni del verdetto - va sottolineato che quanto sequestrato costituisce un arsenale di elevata e micidiale potenzialità offensiva ed era certamente destinato ad ambienti della criminalità organizzata di alto spessore al fine di essere utilizzato per la commissione di gravi reati". (ANSA).

 

Fiction Rai tra novità e conferme

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - L'offerta di fiction Rai per la stagione 2022/2023 si muove dal poliziesco alla commedia, dal dramedy al coming of age alla linea civile. Ad aorire la stagione autunnale di Rai1 la serie Esterno notte (regia di Marco Bellocchio) con Fabrizio Gifuni, Margherita Buy, Toni Servillo in cui il maestro Bellocchio torna sul rapimento e l'uccisione di Aldo Moro; e Il nostro Generale con Sergio Castellitto, dedicato al Generale dalla Chiesa nel quarantennale della strage di via Carini. Si conferma una linea attenta al femminile con il ritorno di Vanessa Scalera nei nuovi episodi di Imma Tataranni ; Serena Rossi in Mina Settembre 2 in autunno su Rai1; Luisa Ranieri nella seconda stagione di Le indagini di Lolita Lobosco (nel 2023). La sfida del racconto seriale include anche alcune grandi coproduzioni internazionali: Sopravvissuticon Lino Guanciale, Il giro del mondo in 80 giorni e Il quinto giorno realizzati nell'ambito dell'Alleanza Europea tra la Rai e i servizi pubblici France Télévisions (Francia) e ZDF (Germania). Molte le novità della prossima stagione nel solco del mistery: Vincenzo Malinconico. Avvocato d'insuccesso con Massimiliano Gallo dai romanzi di De Silva; Il maresciallo Fenoglio con Alessio Boni dai libri Gianrico Carofiglio; Fiori sopra l'inferno con Elena Sofia Ricci; Mai più come prima con Francesco Arca e Circeo (regia di Andrea Molaioli) con Greta Scarano. Attesi il ritorno di Il commissario Ricciardi 2 con Lino Guanciale; una novità Vivere non è un gioco da ragazzi (regia di Rolando Ravello) con Stefano Fresi, Nicole Grimaudo e con la partecipazione di Claudio Bisio. Rocco Schiavone con Marco Giallini, che approda su Rai1, e Che Dio Ci Aiuti. Ad impreziosire l'offerta, i primi quattro titoli di Il commissario Montalbano dai romanzi di Andrea Camilleri, tornano in versione restaurata e nella definizione del 4K. Su Rai2, una nuova stagione per Mare fuori, La Porta rossa 3 con Gabriella Pession e Lino Guanciale. In autunno vedremo anche la docufiction Arnoldo Mondadori. I libri per cambiare il mondo, con Michele Placido, che ripercorre la storia di uno pioniere dell'industria editoriale italiana. (ANSA).

 

Da Marcuzzi a Ilaria D'Amico a Damilano, novità autunno Rai

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Tra i programmi troverete novità di grande rilievo. Vi raccontiamo di un percorso di innovazione che è solo l'inizio di un importante cambiamento che dovrà portare la Rai da broadcaster a media company". Lo ha detto l'ad Rai, Carlo Fuortes, alla presentazione dei palinsesti della prossima stagione a Milano, sul palco insieme ai dieci direttori di genere. "Il passaggio all'organizzazione per generi è un'importante rivoluzione per consentire alla Rai di essere al passo con i tempi - ha spiegato -. Poniamo al centro del nostro lavoro il prodotto e il contenuto che potrà essere fruito in varie forme su tutte le piattaforme". Diverse le novità sul fronte intrattenimento nella prossima stagione della Rai. Sulla seconda rete si prepara il ritorno di Alessia Marcuzzi, insieme a quello di Mara Maionchi ed Alessandro Cattelan. Un nuovo people show in prime time anche per Geppi Cucciari. Tante conferme nel prime time Rai1, con alcune serate speciali. Il 19 dicembre Gianni Morandi festeggerà i sessanta anni di carriera nella sua Bologna. Serata del 31 dicembre affidata ad Amadeus, quella del primo gennaio a Roberto Bolle. A Natale Stanotte a Milano con Alberto Angela. Novità nel prime time di Rai3 con uno show di Cristiano Malgioglio. Ilaria D'Amico, Marco Damilano, Giancarlo De Cataldo sono i volti nuovi dell'informazione Rai per la prossima stagione, presentata a Milano. Partirà il 6 ottobre in prima serata su Rai 2 e andrà in onda ogni giovedì Che c'è di Nuovo condotto da Ilaria D'Amico. Poi, tutti i giorni su Rai3 il fatto del giorno filtrato da Marco Damilano con Il cavallo e la torre. Altra novità è Tempo e mistero su Rai1, con Giancarlo De Cataldo che ripercorre i grandi delitti della storia italiana. Confermati tutti i principali programmi di informazione delle tre reti. Monica Giandotti condurrà Agorà al posto di Luisella Costamagna. (ANSA).

 

Clima: attivisti s'incollano a porte della Regione Piemonte

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Questa mattina alcuni attivisti del movimento non violento internazionale Extinction Rebellion si sono letteralmente incollati con un potente adesivo universale istantaneo all'ingresso del palazzo della Regione Piemonte, in piazza Castello a Torino, bloccandone gli accessi. Su tutte le vetrate sono stati attaccati manifesti con lo slogan 'Siccità è crisi climatica'. "L'obiettivo dell'azione di oggi" dice Giovanni, uno degli attivisti incollati all'ingresso principale "è quello di denunciare l'inadeguatezza politica di questa giunta regionale nella gestione dello stato di emergenza idrica, sintomo del collasso climatico, che è qui e ora nella nostra quotidianità, e sta colpendo le nostre terre". "Siamo qui perché ci aspettiamo che la Regione Piemonte affronti questa crisi alla radice e che ascolti la comunità scientifica" spiega Martina, anche lei incollata agli ingressi. "È inaccettabile che si aspetti di contare i danni per poi richiedere lo stato di 'calamità naturale', scaricando sui cittadini la responsabilità di razionare l'acqua per un problema sistemico che le istituzioni hanno volutamente scelto di ignorare". Le forze dell'ordine stanno controllando la situazione e tutti gli attivisti sono stati identificati dalla Digos della polizia. (ANSA).

 

Medvedev, Nato in Crimea sarebbe terza guerra mondiale

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Qualsiasi tentativo di invadere la Crimea equivarrebbe a una dichiarazione di guerra contro la Russia. Se uno Stato membro della Nato facesse una tale mossa, porterebbe a un conflitto contro l'intera Alleanza dell'Atlantico del Nord: alla Terza guerra mondiale, a un disastro totale": così il vicecapo del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, intervistato dai media di Mosca. La possibile adesione dell'Ucraina alla Nato rappresenta un pericolo maggiore per la Russia rispetto a quella di Svezia e Finlandia, ha detto ancora l'ex presidente ed ex premier russo. Kiev sarebbe "molto più pericolosa per il nostro Paese in quanto membro" dell'Alleanza dell'Atlantico del Nord, ha sottolineato Medvedev. "Le continue consegne di armi da Washington a Kiev non fanno altro che inasprire la spirale del conflitto e aumentare la minaccia di un ulteriore aggravamento con conseguenze imprevedibili": lo ha affermato l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov, secondo quanto riporta la Tass. (ANSA).

 

Ddl concorrenza: tassisti milanesi proseguono assemblea

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - Non sembrano voler smobilitare i tassisti milanesi in assemblea da alcuni giorni contro il Ddl Concorrenza che a loro avviso penalizzerebbe la loro attività introducendo una "inaccettabile deregulation". "Se i sindacati hanno mantenuto lo sciopero, vuol dire che non è cambiato niente - commentano al presidio di piazza Duca d'Aosta, accanto alla stazione Centrale, luogo diventato simbolo, negli anni, delle proteste dei conducenti di auto bianche - Noi non accettiamo corse, salvo quelle sociali: verso ospedali o per donne incinte o che versano in condizioni di disabilità". (ANSA).