Salta al contenuto principale

La Scala riparte a settembre

con Verdi e Beethoven

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 28 secondi

La Scala di Milano si prepara a riaprire a settembre. Certo, premette il sovrintendente Dominique Meyer, ci sono "tanti punti interrogativi" ma bisogna "essere positivi, non sarà eterno il problema" del Coronavirus.

E quindi il teatro che ha riaperto dopo la guerra e i bombardamenti con un concerto diretto da Arturo Toscanini, si candida di nuovo a essere simbolo "del rilancio", questa volta "con il Requiem di Verdi diretto da Riccardo Chailly in Duomo come pensiero per tutti i morti" di Covid e poi in teatro "con un messaggio di speranza, amicizia e calore con la Nona di Beethoven".  

In un webinair su 'Quando riparte lo spettacolo?' con il direttore della Treccani Massimo Bray, Meyer non ha nascosto i problemi che ci sono e ci saranno da affrontare in futuro, forse ancora peggiori. Per quest'anno infatti "gli ammortizzatori sociali hanno aiutato a trattare in modo dignitoso i lavoratori" del teatro, e a frenare i costi. Ma il prossimo anno non ci saranno più, e i ricavi saranno comunque meno, soprattutto in un teatro come la Scala dove un terzo degli spettatori sono stranieri.

Il suo appello è anche per i solisti e i direttori d'orchestra, che sono "il sangue" della lirica e non ricevono sostegni. Pochi di loro sono superstar con cachet da far girare la testa ma la maggior parte "guadagna meno di un calciatore di serie B" e dunque anche a loro va la solidarietà.

Ma Meyer preferisce concentrarsi su cosa fare, piuttosto che piangersi addosso. E allora racconta l'idea di un sistema per poter trasmettere le opere in streaming come già fa a Vienna, dove ha diretto e dirigerà fino a giugno lo Staatsoper, ed avere così un enorme archivio digitale. E parla anche della necessità di far tornare la gente in teatro, problema non solo dei prossimi mesi ma "dei prossimi anni". Per questo bisogna "lavorare con famiglie e bambini ma anche rendere il teatro più accessibile a tutti, con posti a prezzo ridotto.

"La maggior parte di chi decide i prezzi dei biglietti non paga o non ha problemi a pagare" ha osservato spiegando che "a Vienna ci sono 580 posti in piedi venduti a 3 o 4 euro - ha raccontato - così ognuno può venire e si permette agli amanti forti dell'opera di tornare più volte" a vedere lo stesso titolo. Posti in piedi che alla Scala sono stati tolti, per ragioni di sicurezza, con il restauro di inizio anni 2000.
"Sarei così felice - osserva - di avere anche a Milano un sistema di questo genere". Di certo chi verrà a teatro nei prossimi anni troverà programmazioni tanto italiane con i grandi compositori, come Verdi, Rossini e Puccini, un'opera tedesca all'anno ma anche la musica barocca italiana. "Sogno un'opera napoletana in dialetto napoletano" dice, sottolineando che Riccardo Muti ha eseguito questo repertorio "con grande successo". E in fondo anche Muti, Meyer non lo ha mai nascosto, è un sogno del sovrintendente, che vorrebbe vederlo di nuovo dirigere un'opera alla Scala.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy