Salta al contenuto principale

Tanto teatro via web

da Napoli a Brescia a Roma

tutto quello che potete vedere

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 51 secondi

Dal «Il giardino dei ciliegi» di Cechov diretto da Ferdinando Bruni all’Elfo di Milano a Stefania Rocca interprete d’eccezione per «L’arte della gioia» della scrittrice siciliana Goliarda Sapienza per Firenze Tv. Parte così il nuovo week end di teatro on line al tempo del Coronavirus, che tra social, web e tv vede anche il ritorno di Vicenzo Salemme, Francesco Montanari e un classico di Pirandello come «Uno nessuno e centomila». Ecco alcuni appuntamenti da non perdere.

BRESCIA - Otto spettacoli di produzione e una webserie di 21 puntate che racconta Brescia, il suo territorio e i suoi abitanti. Debutta così «Il trucco e l’anima. Rassegna virtuale di storie, spettacoli e nostalgie teatrali», ovvero il cartellone digital del Centro Teatrale Bresciano. Online, gratuita, fruibile nei mesi di aprile, maggio e giugno, la rassegna è composta di due percorsi paralleli: Il posto delle fragole, con alcuni degli spettacoli di produzione allestiti negli ultimi dieci anni, con protagonisti come Franco Branciaroli, Elena Bucci e Marco Sgrosso, Elisabetta Pozzi, Lucilla Giagnoni, Simone Cristicchi; e Bs020. Home Theater. Le voci da dentro, antologia originale e particolarissima dei progetti produttivi BS015 e BS016 Autoritratti in viaggio ed Evolution City Show, ideati e diretti da Fausto Cabra con la collaborazione drammaturgica di Marco Archetti. In scena una galleria di ritratti di personaggi noti o sconosciuti del territorio bresciano, per raccontare i tratti distintivi di una delle comunità più colpite nell’emergenza Coronavirus (www.centroteatralebresciano.it).

MILANO - Doppio spettacolo per il week end digital dell’Elfo (ww.elfo.org). Al debutto domani e online per una settimana sono «Il giardino dei ciliegi» di Cechov diretto da Ferdinando Bruni e con Ida Marinelli nel ruolo di Ljuba, nella versione del 2008 che vedeva protagonisti anche Elio De Capitani nei panni di Gaev, Elena Russo Arman come Varja, Bruni-Lopachin e Angelica Leo-Anja. Seguito da «Lola che dilati la camicia», testo che Marco Baliani nel 1996 ha diretto dall’autobiografia di Adalgisa Conti, internata in manicomio a ventisei anni nel 1914, con Cristina Crippa e Patricia Savastano.

FIRENZE - Stefania Rocca è la lettrice d’eccezione di questa sera per la Firenze Tv della Fondazione Teatro della Toscana.
L’attrice ha scelto «L’arte della gioia», testo d’eccellenza di Goliarda Sapienza, e «Una notte d’inverno.. un viaggiatore» di Italo Calvino. Il week end prosegue, da domani, con Roberto Sturno e «Testamento» di Kriton Athanasulis e «In quanto teatro» di Roberto Bolano; Stefano Accorsi con le «Favole al telefono» di Gianni Rodari; Francesco Montanari e un classico della risata come «Tre uomini in barca» di Jerome K. Jerome; fino a domenica, con Silvia Briozzo e le «Coincidenze» di Stefano Benni, le «Dediche» di Marco Lodoli e «L’avventura di due sposi» di Calvino.

LIGURIA e TOSCANA - Il pubblico torna protagonista dell’evento teatrale anche sui social, incontrandosi ein diretta come in un vero foyer. È l’idea della compagnia Officine Papage che lancia il SoFà Teatro, progetto che «buca» lo spazio virtuale per riproporre, anche attraverso lo schermo, la centralità del dialogo e della contaminazione tra artisti e spettatori. In cartellone sul web (www.officinepapage.it), un’anticipazione dell’edizione 2020 della rassegna ligure Nuove Terre - Le arti della scena e del Festival delle Colline Geotermiche toscane.
Venerdì 24 aprile alle 21.30, in scena «Piccoli esercizi di resistenza», una nuova drammaturgia che unisce, attraverso la raccolta diretta di testimonianze e punti di vista diversi (di bambini, adulti e anziani del nostro oggi) il significato quotidiano della parola «resistenza» a quello che ricordiamo con la celebrazione della Giornata della Liberazione.

REGGIO EMILIA - Pubblicato a puntate sulla «Fiera Letteraria» e poi in volume nel 1926, summa del pensiero di Luigi Pirandello, «Uno, nessuno e centomila», ovvero il racconto della spirale di tormento di Vitangelo Moscarda, detto Gengè, debutta on line con la Compagnia permanente di ERT Fondazione per il cartellone #laculturanonsiferma. In tutto, otto puntate, fino al 29 aprile alle 18.30 su Lepida Tv e sul portale EmiliaRomagnaCreativa, su Facebook Cultura Emilia Romagna, sul 5118 di Sky, oltre che sul sito web di ERT.

NAPOLI - Tre appuntamenti con la comicità di Vincenzo Salemme e tre delle sue più divertenti commedie, registrate a dicembre in diretta televisiva dall’Auditorium Domenico Scarlatti della sede Rai di Napoli. È il ciclo «Salemme il bello... della diretta!» con cui Rai2 riporta in tv in prima serata «Di Mamma ce n’è una sola», spettacolo sulle finzioni e i paradossi, dove Salemme indossa panni femminili (domani). E poi «Sogni e bisogni» (30 aprile), favola surreale rappresentata per la prima volta nel 2001 e incentrata sul distacco di un «attributo» dal corpo del proprio «padrone». Fino a «Una festa esagerata» del 2016, diventata film due anni più tardi (7 maggio).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy