Salta al contenuto principale

Il trio Animatronic
allo Smart Lab sabato 15

Sbarca in Trentino, a Rovereto, il progetto che vede coinvolto anche Luca Ferrari dei Verdena con l'album di debutto "Rec"

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

Dietro la sigla di Animatronic c’è uno dei progetti più intriganti del nuovo rock italiano che vede alla batteria Luca Ferrari dei Verdena accanto a Luca «Worm» Terzi e al percussionista Nico Aztori, qui in veste di bassista.

Il trio in tour per presentare il suo primo disco «Rec», uscito per La Tempesta Dischi, è atteso sabato sera allo Smart Lab per un concerto aperto, alle 21, dal trio stoner rock trentino Le Scimmie. L’album «Rec» contiene quindici brani, quasi interamente strumentali, fatta eccezione per qualche sporadica intrusione vocale: in questo senso il singolo Fl1pper# anticipava non solo le sonorità dell’intero lavoro, che oscillano dal math-rock al prog toccando in modo traversale un ampio universo sonoro, ma anche la sua filosofia. La musica degli Animatronic (nella foto) nasce, infatti, per gioco: un gioco senza regole o confini prestabiliti. Nell’estate del 2018 i tre musicisti della band si incontrano nel tempo libero suonando per il solo gusto di fare musica, in maniera del tutto libera e senza una progettualità vera e propria. È così che dopo le prime jam inizia a prendere forma quel magma di ritmi intricati e suoni visionari che i tre decidono di battezzare col nome di Animatronic.



«L’animatronica - spiega Luca Ferrari, una delle anime dei Verdena - è una particolare tecnologia che utilizza componenti elettronici e robotici per dare autonomia di movimento a soggetti, specialmente pupazzi meccanici. L’uso dell’animatronica è legato per lo più all’industria cinematografica e a quella dell’intrattenimento e si può considerare a tutti gli effetti un’antenata della moderna animazione». Non è un caso che la musica del trio abbia in sé una forte identità visiva e che il suo immaginario faccia riferimento ad una concretezza e ad una solidità quasi antica, assemblata con maestria, precisione e devozione. Il tutto condito da una componente freak e visionaria che rende il loro sound assolutamente contemporaneo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy