Salta al contenuto principale

Al teatro Zandonai si riparte con Lopez

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

Massimo Lopez e Tullio Solenghi, Natalino Balasso, Alessandro Preziosi, Leo Gullotta, Vanessa Incontrada e Alessandro Benvenuti.

Questi alcuni dei protagonisti più noti della Stagione Teatrale 2019/2020 dello Zandonai promossa dall'assessorato alla Cultura del Comune di Rovereto con un cartellone di eventi fra teatro classico e contemporaneo ed uno spazio dedicato alle Compagnie trentine.

La stagione celebra il primo lustro dalla riapertura dello storico teatro roveretano nel quale negli ultimi 5 anni sono passati più di 130 mila spettatori.
Apertura affidata, l'8 novembre alle ore 20.30, orario d'inizio di tutte le serate, alla classe di Massimo Lopez e Tullio Solenghi con la loro scoppiettante carrellata di voci, imitazioni e sketch. Il 19 novembre spazio a Natalino Balasso in La bancarotta per un produzione del Teatro Stabile di Bolzano, mentre il 27 novembre la compagnia trentina Evoè Teatro porterà in scena Il drago d'oro .
È Alessandro Preziosi il protagonista di Vincent Van Gogh. L'odore assordante del bianco , il 4 dicembre, per un testo di rara immediatezza drammatica.

Sabato 21 dicembre in cartellone Le regole per vivere , una commedia comica che unisce gli Ipocriti Melina Balsamo al Teatro Stabile di Verona mentre ad aprire il 2020, il 9 gennaio, la coppia formata da Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi in un Donchisci@tte calato nel nostro presente.
Il 15 e il 16 gennaio lo Zandonai ospiterà Il pipistrello di Johann Strauss con la Compagnia Corrado Abbati e il Balletto di Parma: un'operetta valzer che intreccia melodia e vivacità in una trama fra equivoci, danze e feste in maschera.

«Cosa preferisci, centomila euro subito o un milione fra dieci anni?»: questo l'interrogativo che apre Il test , una commedia graffiante scritta dallo spagnolo Jordi Vallejo e portata in scena il 24 gennaio da Roberto Ciufoli, Benedicta Boccoli, Sarah Biacchi e Simone Colombari .
La voce di Mario Cagol , accompagnato dal chitarrista Alessio Zeni , segnerà, il 29 gennaio, l'intenso testo di Pino Loperfido Ciò che non su può dire. Il racconto del Cermis , mentre il 4 febbraio mattatore sarà Leo Gullotta nel pirandelliano Pensaci Giacomo . Il 12 e 13 febbraio le risate si legheranno alla commedia sui quarantenni di oggi Scusa sono in riunione... ti posso richiamare? con Vanessa Incontrada e Gabriele Pignotta .

Il cartellone si completa con Clown time della Compagnia Abbondanza Bertoni, il 25 febbraio, Humana , di Elementare Teatro, il 3 marzo, e La bibbia riveduta e scorretta con gli Oblivion il 19 marzo.
Chiusura affidata, il 24 e 25 marzo, a Bohemian Rapsody della Compagnia del Villaggio: uno spettacolo ambientato negli anni ?90 in cui si ripercorre il periodo che porta al mega concerto di Wembley in memoria di Freddie Mercury.
A completare la proposta dello Zandonai due eventi musicali: il 12 dicembre con il Coro della Sat in un programma dedicato a Renato Dionisi, Arturo Benedetti Michelangeli che prevede anche un omaggio a Riccardo Zandonai, e il 29 dicembre, con il Concerto di fine anno dell' Orchestra Haydn di Trento e Bolzano diretta da Felix Bender con il soprano Silvia Micu.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy