Salta al contenuto principale

Al Castello di Pergine la storia di Jesse Owens

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Oggi, 18 giugno, alle ore 21, terzo appuntamento per la rassegna “Tra le mura”: una delle pagine più famose della storia dello sport è protagonista a Castel Pergine con JC - La storia di Jesse Owens di Cristiano Ragab con Gianluca Gambino e la voce e il pianoforte di Carlo Roncaglia, una produzione Accademia dei Folli.

Siamo a Berlino nel 1936, l’anno dell’olimpiade nazista. È uno dei momenti più tragici della storia: eppure, si riesce a trovare spazio anche per grandi imprese sportive. Lo stadio olimpico assiste alla prova di un atleta di colore che corre veloce, velocissimo, anche più veloce della Storia. Ed ecco perché in pochi lo hanno conosciuto.
Owens vinse quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Berlino: il 3 agosto vinse i 100 metri, il 4 agosto trionfò nel salto in lungo vincendo il giorno successivo la gara dei 200 metri e il 9 agosto la staffetta 4x100. Il 9 agosto aggiunse la vittoria nella staffetta alle medaglie dei giorni precedenti. Originario dell’Alabama, dopo essersi messo in evidenza ai campionati studenteschi americani, nel 1935, nel Michigan, Owens aveva stabilito il record mondiale di salto in lungo.

Lo spettacolo «JC» è la storia della corsa di Jesse Owens davanti agli occhi di Hitler, una storia che è simbolo di emancipazione e di autoaffermazione. È il racconto di un atleta e di un uomo formidabile, scappato dallo schiavismo dei campi di cotone, scappato da un’adolescenza di povertà e finito direttamente tra le braccia del Führer, è la storia della pistola che gli hanno dato in mano per uccidere Hitler e della sua decisione, è la storia delle Olimpiadi di Berlino del 1936 e della supremazia della razza e della sua messa in discussione addirittura da parte di Hitler.

Uno spettacolo che parla di sport, di vita, e di Storia, con la s maiuscola: con la voce e il pianoforte di Carlo Roncaglia e Gianluca Gambino nei panni di Luz Long, l’atleta tedesco che aiutò Jesse Owens nella gara di salto in lungo a Berlino ’36, racconta la storia di JC in equilibrio tra epica, dramma e comicità in un percorso emozionante tra amore, vita, guerra e discriminazione razziale.

La rassegna “Tra le Mura” è organizzata da Raumtraum con AriaTeatro e il contributo della Fondazione Caritro ed è ospitata dalla Fondazione Castel Pergine.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy