Salta al contenuto principale

Parte da Rovereto il tour

di «Invisibili Generazioni»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Parte oggi, da Rovereto, la nuova tournée di «Invisibili Generazioni», il fortunato spettacolo di Elementare Teatro dedicato al tema della mobilità giovanile. La pièce verrà messa in scena in cinque comuni. Il primo appuntamento è in programma stasera, 19 febbraio, alle ore 20.45 al teatro Zandonai di Rovereto, i successivi giovedì 21 febbraio alle ore 21 all’auditorium dell’Istituto Guetti di Tione, domenica 24 febbraio alle 20.30 al teatro di Calavino, martedì 26 febbraio 20.45 al teatro di Villazzano e mercoledì 27 febbraio alle ore 20.30 al teatro Comunale di Dimaro.

«Invisibili Generazioni» scritto e diretto da Carolina De La Calle Casanova, tratta il tema dell’emigrazione giovanile raccontando i dubbi dei giovani d’oggi che, in un contesto sociale professionale e politico incerto e ricco di criticità, vedono minata la possibilità di vedere concretizzati i propri sogni professionali e personali nella terra d’origine. Attraverso una drammaturgia definita punk per la schiettezza e l’immediatezza di toni, la velocità delle battute ed un contesto spesso caotico, viene messa in scena la storia una famiglia come tante dove, due giovani fratelli, aiutati nella quotidianità dal provvidenziale supporto di un’anziana nonna, si troveranno di fronte ad un bivio: «resto o vado?».

Contemporaneamente la classe dirigente si trova a dover affrontare un fenomeno di portata epocale: «come fermare, o gestire, l’emigrazione giovanile?». Interpreti dello spettacolo sono gli attori Corinna Grandi, Marco Ottolini, Paola Tintinelli e Federico Vivaldi. Una commedia che colloca nel coro delle retrovie la classe dirigente; nel ritornello che si ripete la nonna; nelle strofe in prima linea chi parte e chi resta, due fratelli orfani.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy