Salta al contenuto principale

Famiglie a teatro,

nuova stagione al «San Marco»

Trento, 5 spettacoli domenicali dall'11 novembre

Chiudi

"Nella vecchia fattoria" con il Teatro delle Quisquilie

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

Si apre domenica 11 novembre con «Piantala, Emma» la stagione di «La famiglia va a teatro», la rassegna domenicale che il Teatro San Marco dedica alle famiglie.
Cinque gli spettacoli in programma, pensati per un pubblico di giovanissimi, con contenuti e linguaggio adatti a spettatori dai 3 anni in su, ma che risultano godibili anche per mamme, papà, nonni, fratelli e sorelle maggiori. Tutti gli eventi sono programmati in doppia rappresentazione, alle ore 15.30 e alle 17.30 e si svolgono al Teatro San Marco, a Trento, in via San Bernardino 6.

Si parte l’11 novembre con Piantala, Emma!», con Il teatro delle quisquilie; si prosegue il 18 dello stesso mese con «I cuochi pasticcioni» della compagnia ReBibo e poi di nuovo il 25 con «Nella vecchia fattoria», rappresentato ancora da «Il teatro delle quisquilie».

Gli appuntamenti proseguono poi a dicembre: il 2 con «Pollicino» della compagnia «Gli Alcuni» e infine il 9, quando già si respirano le atmosfere natalizie, con «Il famoso canto di Natale del signor Charles Dickens», messo in scena da I Teatri Soffiati e Finisterrae Teatri.

Il biglietto d’ingresso costa 6 euro per gli adulti e 4 euro per i bambini e le bambine fino ai 12 anni. Per le famiglie composte da 5 o più persone (di cui almeno 3 bambini/e) un biglietto è in omaggio. I possessori della tessera «In Cooperazione» hanno diritto a uno sconto del 10% sul prezzo del biglietto, fino a un massimo di 2 biglietti a tessera. Per i gruppi è previsto invece un biglietto omaggio ogni 10 persone (10+1).

In Piantala, Emma!, in programma domenica prossima alle ore 15.30 e alle 17.30 (età consigliata dai 4 anni) Emma è una piccola principessa che ama stare in giardino e occuparsi delle piante e dei fiori. Quando raggiunge i 16 anni, il re e la regina decidono che si deve sposare: iniziano ad arrivare a palazzo principi che le portano in dono gioielli rari, pietre preziose e stoffe pregiate, che a lei non interessano. L’ultimo principe le porta una scatola chiusa, ma Emma non la apre nemmeno, esasperata da tutti questi regali, e si rifugia in giardino, con la ferma intenzione di non sposarsi. Il re e la regina le proibiscono di stare tra le sue amate piante e, per questo, la principessa si ammala.

Nessun dottore però riesce a capire la causa del suo male, nessuna medicina riesce a risollevarla e, mentre servitori e paggi le danno l’estremo saluto, il giardiniere Isidoro nota la scatola chiusa, la apre e scopre che contiene? una pianta, quasi completamente rinsecchita. Con le ultime forze, Emma riesce a prendersene cura e guarisce. Il principe che gliel’aveva portata in dono tornerà al castello e, insieme alle piante, fiorirà anche l’amore tra lui ed Emma.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy