Salta al contenuto principale

Il tormentone di Gabbani

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

«Il secondo posto a Sanremo? Non era il momento giusto per vincere. Certo, al momento un po' di amarezza c'è stata, ma tre partecipazioni e tre vittorie avrebbero dato una percezione tendente all'antipatia di me. Quindi sono contento così».

Francesco Gabbani con la sua Viceversa su YouTube ha oltre 42 milioni di visualizzazioni ed è il brano più «visto» del Festival (seconda Elettra Lamborghini e terzo Diodato). «In quarantena mi è mancata la condivisione con il pubblico». Ora però è tempo d'estate con il brano Il sudore ci appiccica , in radio da oggi, già disponibile in digitale, dall'ultimo album (uscito il 14 febbraio per Bmg), che continua il suo viaggio.

Un brano «tutto da ballare» che si candida a tormentone 2020, in una stagione incerta come non mai (anche e non solo per la colonna sonora), causa coronavirus. «È una canzone divertente, uptempo - racconta il cantautore toscano -, ma, le mie canzoni nascondono una doppia lettura. E così se da una parte c'è il sudore nel dolore e nella sofferenza, dall'altra c'è anche la speranza di tornare ad "appiccicarci", nell'amore, negli abbracci. Per me che vivo nel verde, la quarantena non è stata straziante e soprattutto non è stata tanto diversa da quando non sono in giro per lavoro, a parte andare a sciare sulle Dolomiti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy