Salta al contenuto principale

La Filarmonica guarda al "dopo"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Impossibilitata, come tuttti gli enti culturali, anche la Filarmonica di Rovereto è ferma. Il direttore artistico, Klaus Manfrini (nella foto) ha deciso di scrivere agli abbonati per spiegare la situazione e promettere che l'ente sarà pronto non appena possibile a riprendere l'attività.

«In questo momento in cui siamo costretti ad una inattività forzata e, soprattutto, la musica dal vivo è costretta al silenzio, mi sento - scrive Manfrini - di mandarvi questo messaggio. Stiamo continuando a lavorare per riuscire a spostare più avanti i concerti che non è stato possibile presentarvi». Manfrini spiega che si sta lavorando per «tutelare il vostro diritto a poter assistere agli eventi che avete scelto quando vi siete abbonati, e dall'altra per tutelare gli artisti nel loro diritto di poter lavorare». Manfrini è convinto che «chi soffrirà di più per le conseguenze di questa situazione saranno gli "ultimi anelli" della catena della musica dal vivo. Da parte nostra - conclude - ci sentiamo di impegnarci perché queste conseguenze siano il meno severe possibili».

Nell'attesa la Filarmonica segnala che si può riascoltare su Youtube il trio Hèsperos (Filippo Lama, violino; Stefano Guardino, violoncello; Riccardo Zadra, pianoforte) che a novembre 2019 ha eseguito alla Filarmonica il Trio Op. 70 N. 1 «Spettri» di Beethoven.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy