Salta al contenuto principale

L'Orchestra Haydn vuol sperimentare:

tre nuove opere contemporanee

(una del trentino Franceschini)

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

«Non si troverà mai uniformità da noi, ma voglia di sperimentare, di viaggiare tra le differenze».
Lo ha detto il presidente della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, Paul Gasser, presentando i programmi per il 2020.

Il nuovo anno per la Fondazione inizia con la quinta Stagione d’Opera e l’annuncio di nuove produzioni: un viaggio nel teatro musicale del presente con lo sguardo proiettato verso il futuro.

«La nostra vocazione internazionale si sposa con la promozione di eventi ideati con le altre realtà della nostra Regione - ha detto Gasser - Il Trentino-Alto Adige è un ponte fra diverse culture e la nostra attività è sempre più rivolta al dialogo e all’interscambio fra culture e discipline artistiche».
Manuela Kerer, Wolfgang Mitterer e Matteo Franceschini sono i compositori ai quali la Fondazione Haydn ha commissionato nuove opere che esplorano soggetti, stili e tematiche diversi fra loro.

«La commissione di queste tre opere, le cui rappresentazioni avverranno fra il 2020 e il 2024, va nella direzione di un teatro musicale di respiro internazionale: un progetto unico e straordinario, anche a livello europeo, che mira a valorizzare le energie creative dell’Euregio Tirolo - Alto Adige - Trentino creando sinergie e un forte senso di appartenenza artistica a un’Europa unita, nello spirito dei grandi pensatori e musicisti», ha spiegato Matthias Locek, direttore artistico della Stagione d’Opera.

A inaugurare il ciclo, il 13 e 15 marzo al Teatro Comunale di Bolzano, sarà «Toteis» della altoatesina Manuela Kerer, coproduzione di Fondazione Haydn, Neue Oper Wien e Vereinigte Bühnen Bozen. Nel 2022 avrà quindi luogo la prima assoluta della nuova opera di Wolfgang Mitterer con libretto del rinomato regista inglese David Pountney.

A concludere il terzetto di opere sarà nel 2024 una prima assoluta del compositore trentino Matteo Franceschini, di recente insignito del prestigioso Leone d’Argento della Biennale Musica di Venezia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy