Salta al contenuto principale

Sollima, folletto

con il violoncello

oggi a Trento

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Grande evento oggi a Trento, dove alle 20.30 alla sala della Filarmonica arriva Giovanni Sollima, uno dei più grandi violoncellisti internazionali e sicuramente uno dei più creativi.

In programma ci sono melodie tradizionali armene, albanesi, trentine, salentine riviste da Giovanni Sollima, con suonate di J.S. Bach, con la Suite n. 1 in sol maggiore BWV 1007, dello stesso Sollima Jook-urr-pa - Fandango (after Boccherini) Natural Songbook; poi di Corbetta il Caprice de Chaconne e di Ignacio Cervantes «Illusiones perdidas».

Il biglietto intero costa 25 euro, il ridotto 18 euro (oltre i 65 anni), per gli studenti 8 euro se in possesso del Pass dell’Opera Universitaria.

Giovanni Sollima è uno di quei rari musicisti capaci di conciliare le aspettative del pubblico più diverso. Indifferentemente nella veste di esecutore o di compositore attraverso il suono di un solo strumento arriva a coinvolgere e conquistare gli estimatori di musica colta, gli appassionati di rock, i nostalgici del folk, i giovani “metallari”. Grazie a una inconsueta empatia e al suo carattere straordinariamente gioviale che sa mettere al servizio delle sue esecuzioni e quindi del pubblico che lo ascolta, riesce a catalizzare attorno a sé musicisti di tutte le età e provenienze trasformandoli in protagonisti di eventi fantastici (si pensi all’orchestra dei 100 Violoncelli, nata nel 2012, pronta a partire verso la Cina). Sul palco si trasforma in un folletto straordinariamente capace e poliedrico.

Giovanni Sollima è nato a Palermo da una famiglia di musicisti. Ha studiato violoncello con Giovanni Perriera e Antonio Janigro e composizione con il padre Eliodoro Sollima e Milko Kelemen. Fin da giovane collabora con Claudio Abbado, Giuseppe Sinopoli, Martha Argerich, Riccardo Muti, Katia e Marielle Labèque, Victoria Mullova, Patti Smith, Philip Glass e Yo-Yo Ma.
Attualmente la sua attività si dispiega fra sedi ufficiali e ambiti alternativi: Brooklyn Academy of Music, Alice Tully Hall, Carnegie Hall (New York), Wigmore Hall, Accademia di Santa Cecilia a Roma, Teatro alla Scala (Milano), Summer Festival di Tokyo, Biennale di Venezia.

Ora il musicista palermitano insegna all’Accademia di Santa Cecilia a Roma dove è anche accademico e alla Fondazione Romanini di Brescia. Suona solitamente un violoncello Francesco Ruggeri che è stato realizzato a Cremona nel 1679.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy