Salta al contenuto principale

Aida "nera" a Verona

la protesta del soprano

che rifiuta il trucco

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi

Il tema del razzismo fa irruzione nel bel mezzo della stagione lirica a Verona, complice lo storico ruolo di “Aida”, la schiava etiope, e un soprano, l’americana Tamara Wilson, che ha minacciato il rifiuto del trucco nero sul volto, parlando - con un post su Instagram - di una visione razzista nel mondo dello spettacolo.

Una interpretazione spiegata dettagliatamente - «conosco colleghi che non vogliono che il colore della loro pelle sia un costume, perché se lo rinforzi per specifici ruoli questo non aiuta ad abbracciare la diversità» - con l’ammissione che «nessuna opinione è più giusta o corretta, perché è personale».

Il compromesso tuttavia è stato trovato: nella prossima rappresentazione di Aida, prevista per oggi, con Placido Domingo sul podio d’orchestra, Wilson avrà un trucco “alleggerito”, cioè meno scuro.

La cantante ha abbozzato, «ho vinto una battaglia, non la guerra».

Ma questo sarebbe il massimo che la Fondazione Arena si è detta disponibile a concederle, pena chiamare un sostituto per il ruolo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy