Salta al contenuto principale

Enrico Nigiotti domenica pomeriggio sul Monte Lefre per Lagorai d'Incanto

La nostra intervista al cantautore livornese protagonista dell'ultimo Festival di Sanremo e di X Factor 2017 oggi in Trentino per un live acustico

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 31 secondi

C'è anche quella di domenica 21 luglio sul Monte Lefre (Comune di Strigno - Castel Ivano), ore 15, per la rassegna Lagorai D'Incanto, fra le tappe del tour estivo "Cenerentola Tour", la nuova avventura live di Enrico Nigiotti. Il musicista livornese, classe '87, presenterà le canzoni del suo ultimo progetto discografico "Cenerentola e altre storie?" e il nuovo singolo dal titolo "Notturna". Un album ristampato in edizione speciale dopo la partecipazione di Nigiotti con il brano "Nonno Hollywood" in gara alla 69° edizione del Festival di Sanremo e vincitore del Premio Lunezia per Sanremo per il suo testo. Proprio dal palco dell'Ariston è iniziata la nostra intervista con il cantautore.

Nigiotti, cosa ha portato la sua partecipazione a Sanremo con "Nonno Hollywood"?

"Il Festival di Sanremo mi ha dato tantissimo, mi ha trasmesso grande entusiasmo e lasciato adosso una carica utile anche per questi mesi di tour. Credo di aver avuto anche un pezzo giusto per arrivare al grande pubblico come "Nonno Hollywood": una canzone dedicata ad una figura fondamnetale per la mia vita come quella di mio nonno. L'ho scritta la notta in cui lui se ne è andato?ero lontano da casa e da lui ed è stata come uno sfogo. Spero che da lassù lui abbia apprezzato".

Un brano che ha inserito anche nella ristampa di "Cenerentola" con l'aggiunta di "altre storie".

"Ho voluto riproporre il disco con due brani come quello sanremese e "La ragazza che raccoglieva il vento" dedicata ad Alda Merini. Due canzoni che ho pensato stessero bene in "Cenerentola" e in qualche modo completassero ed arrochissero quel disco, chiudessero un cerchio". Perché un brano per la grande poetessa? "Alda Merini mi ha dato tanto. Sa ancora scuotermi l'anima ogni volta che l'ascolto o leggo le sue poesie. Per questo le voluto dedicare questa canzone".

Le piace la parola cantautore per definire la sua musica?

"Se penso ai cantautori mi vengono in mente De André e Tenco, cose grosse insomma. Io sono uno che si racconta e prova a raccontare il mondo attraverso parole che diventano canzoni. Forse la parola giusta per definirmi sarebbe un "raccontautore">.

Parliamo del suo live per Lagorai d'Incanto?

"Con la mia band suoneremo in chiave acustica e molto intima. Proprio in questi giorni mentre proviamo le canzoni di questo live pensavo che sarebbe proprio bello fare un tour invernale unplugged, Questa in Trentino potrebbe essere una sorta di data zero".

La sua popolarità si lega anche ad X Factor 2017 che l'ha vista approdare in finale: che esperienza è stata quella del talent? "X Factor è stata un'esperienza elettrizzante che mi ha dato molto e insegnato anche a confrontarmi con altri ragazzi. L'ho vissuta intensamente e ho solo dei bei ricordi".

Nel suo percorso di musicista ci sono anche due star del canto femminile italiano come Laura Pausini e Gianna Nannini-

"Inizio col dire che l'anno prima di X Factor e di collaborare con Laura, Gianna e anche con Eros Ramazzotti, per il quale ho critto "Ho bisogno di te" ero con mio nonno a raccogliere uva nei campi. Poi è successo tutto questo e mi sono ritrovato, lottando e applicandomi, a vivere a pieni polmoni la musica. Per Laura Pausini ho scritto il brano "Le due finestre", contenuto nel suo cd "Fatti sentire" mentre con Gianna Nannini ho duettato nella canzone "Complici" presente nel mio album e diventata disco d'oro".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy