Salta al contenuto principale

Piotta e i suoi 20 anni di musica

sabato a Nomi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 1 secondo

C’è sempre il rap a scandire il battito sonoro del Piotta ma con tanta voglia di contaminare e rimescolare le carte della sua musica verso i lidi del cantautorato. Lo si capirà sabato sera a Nomi in Vallagarina dove il musicista romano presenterà il suo nuovo live nell’ambito del tour di promozione del suo ultimo cd Interno 7 Il nuovo spettacolo di Tommaso Zaniolo, in arte Piotta, rinnovato nel sound e nella scaletta, prevede brani scelti tra le ultime hit, i grandi classici e brani rap cult dagli esordi.

Uno spettacolo interamente suonato che Piotta ha sviluppato negli ultimi anni dopo decine di concerti tra club e festival sempre, come ci racconta in questa intervista, con la voglia di far muovere.

Incominciamo dall’ultimo cd «Interno 7»: cosa racchiude?

In questo disco c’è tutto il mio percorso umano. Mi sono chiuso alle spalle la porta di quell’Interno 7, di quella casa in cui sono cresciuto e vissuto per tanti anni. In quel momento ho riscoperto oggetti, ricordi, libri, vhs, vinili, ’45 giri, e sono riaffiorati tanti ricordi in una sorta di ipnosi regressiva che si è riversata sulle canzoni di questo lavoro.

Canzoni che hanno una dimensione quasi cantautorale.

Io tirerei via il quasi, nel senso che i brani hanno preso forma con un taglio intimo e cantautorale. Sono nate da una mia esigenza interiore e poi ho preso coraggio trasformandole in un album che si sta facendo apprezzare anche a diversi mesi dall’uscita. Quando le cose vanno più lentamente riescono ad andare maggiormente in profondità e a rimanere nel tempo.

Quanto c’è di rap nel Piotta di oggi fra graffitti pop, scrittura cantautorale appunto e chitarre acustiche?

I pezzi nascono tutti per chitarra e voce o pianoforte e voce. Il rap c’è perché è nella mia anima ma ci sono anche i cantautori che ascoltava il mio babbo, a cui è dedicato il disco, appassionato di Ivano Fossati e Lucio Dalla.

Questo si riflette anche su un live che si annuncia molto «suonato» e con poche basi.

Sì, è un concerto che mette in evidenza quello che sono oggi ma che ha un filo emotivo capace di unire le canzoni di quando ero ventenne a quelle di un quarantenne quale sono oggi. Lo show in due ore, durante le quali mi accompagna una band di quattro strumentisti, cerca di raccontare vent’anni di musica e una passione nata sui banchi di scuola e con altrettanta passione diventata una parte importante della mia vita.

Che effetto fa segnare con i suoi «7 Vizi Capitale» la sigla internazionale della serie tv Suburra?

Sono contento che “7 Vizi Capitale” sia stato scelto per una delle serie tv italiane più viste all’estero. È un brano di grande atmosfera, scritto per il disco “Nemici” uscito nel 2015, di cui vado orgoglioso. Mi fa un effetto strano che sia stata ascoltata e apprezzata in tutto il mondo: questa è la magia della musica, una sorta di esperanto che arriva a tutte le persone anche se non capiscono l’italiano.

Qualche nostalgia degli anni ’90 che nel nuovo singolo definisce «maledetti»?

Questo “maledetti” è nel senso buono del termine con un riferimento non musicale ma emotivo. Magari potessero tornare per me quegli anni in cui c’erano i miei genitori e tanti amici, come Primo dei Cor Veleno e tanti ragazzi che hanno fatto della musica la loro vita e che oggi non ci sono più.

Quanto è lontano oggi da «Supercafone»?

Mi sento nello stesso tempo lontanissimo e vicinissimo a quella canzone. Lontanissimo dal punto di vista musicale e stilistico ma “Supercafone” era il brano giusto, fresco e sincero per i miei vent’anni così come “Maledetti quegli anni ’90” lo è oggi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy