Salta al contenuto principale

Riecco Guccini: un giallo

e i concerti inediti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 30 secondi

Mentre esce oggi il nuovo romanzo di Francesco Guccini «Tempo Da Elfi» scritto per la Giunti con Loriano Macchiavelli, la Universal Music annuncia per il 3 novembre una raccolta di live del cantautore modenese, mai pubblicati prima d’ora. Si tratta di un nuovo progetto discografico che testimonia l’atmosfera goliardica e creativa dell’Osteria delle Dame di Bologna, locale fondato da Francesco Guccini insieme a Padre Michele Casali nel 1970.

Questa pubblicazione oltre che a Guccini è, infatti, un modo per rendere omaggio a quella fucina creativa che diventò vetrina per i nuovi talenti della musica folk e cantautoriale bolognese. Un tassello della storia del cantautore che si aggiunge alla geografia gucciniana di quella Bologna degli anni ’70 e ’80.

Le registrazioni dei concerti di Francesco Guccini faranno vivere con musica e parole un viaggio emozionante e imperdibile a tutti i suoi fan. Ricordiamo che Guccini ha pubblico quello che dovrebbe essere il capitolo finale della sua discografia d’inediti, «L’ultima Thule», nel 2012, dichiarando poi di volersi ritirare dalla carriera musicale per dedicarsi interamente a quella di scrittore.

Da allora è tornato a cantare solo nel 2015 nella canzone «Le storie che non conosci», di Samuele Bersani e Pacifico, brano il cui ricavato era stato devoluto in beneficenza alla Fondazione Lia, per finanziare laboratori di lettura per bambini non vedenti e ipovedenti a Bologna.

Il prof Guccini, però, continua a divertirsi a scrivere come dimostra il suo nuovo romanzo giallo pubblicato da Giunti Editore e scritto insieme a Loriano Macchiavelli, bolognese, maestro riconosciuto del noir italiano e creatore di Sarti Antonio, uno dei più popolari poliziotti della narrativa italiana. Protagonista del libro Marco Gherardini, detto Poiana, ispettore della Forestale che trova ai piedi di un dirupo un cadavere «proprio quello di un giovane elfo, si direbbe». Da lì inizia per Poiana l’indagine più difficile della sua carriera.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?