Salta al contenuto principale

Baldo e Garda: storia e natura in uno scrigno

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
4 minuti 34 secondi

Storie del Monte Baldo e del suo lago. Naturalmente quello di Garda. Un volume che raccoglie la prima, vera, sinergia tra un ambiente alpino e uno lacustre, tra le due province di Trento e di Verona. Monte Baldo e Garda che sono stati per molti «casa e patria, tetto del mondo e scrigno luminescente». È questa la dedica degli autori per tutti coloro che vi ritroveranno «pagine per cento e cento volti e nomi, che hanno un tempo amato il Baldo, sul quale hanno lavorato e sudato, hanno pianto e penato, sono anche morti o hanno perso il bene dell’intelletto».

Gli autori sono i giornalisti e scrittori di Trento Mauro Neri e Silvia Vernaccini, e anche Maurizio Marogna, giornalista da anni impegnato nel recupero di alcuni sentieri “storici” sul Monte Baldo e per aver partecipato a progetti che gli sono valsi nel 2014 il premio “Giardino d’Europa” (CIERRE edizioni, Verona - pag. 352, euro 19,50). Il Monte Baldo è prima di tutto un orto botanico. Un patrimonio che ha dell’incredibile, parte del quale è fatto da specie di fiori sopravvissuti all’ultima glaciazione. Fiori antichissimi, fiori preziosissimi. Hanno fatto la fortuna di botanici illustri antichi e moderni, i fiori del Baldo, ma soprattutto hanno allietato le passeggiate e le escursioni di milioni di persone che hanno soddisfatto il loro desiderio di natura.
Lo sapeva bene Eugenio Turri, geografo che proprio sul Baldo, in vetta al Monte Creta, perfezionò i suoi metodi di ricerca geografica che poi portò in terre lontane, lontanissime. Dall’Osservatorio astronomico di Novezzina è l’universo che sembra specchiarsi sui pascoli in cima al Baldo, ampliando gli orizzonti e ponendoci domande alle quali è troppo arduo rispondere. Invece dalla vetta del Monte Altissimo si ha un’idea “panoramica” sul matrimonio tra monte e lago che ha dato frutti fecondi e stupendi. Dai fianchi settentrionali del complesso montuoso si alza la Memoria della Grande Guerra coi suoi lutti e le sue battaglie a Malga Zurés sopra Nago e sul Dosso di Talpina nei dintorni di Mori. Un monte che si specchia nel Creato, un monte che estirpa i confini, un monte che mette i territori in comunicazione tra di loro.

Esiste però un Monte Baldo ancora più intrigante, ancora più affascinante e profondo. È il Baldo “che non c’è più” o, meglio, che non si vede e che non ci parla più, che conserva in silenzio antiche tradizioni, antiche storie, antiche emozioni. È il monte da cui traspira il calore delle fiabe e delle leggende nate dalla fervida fantasia semplice e genuina delle donne, abili fattrici di intrecci, di trame, di personaggi e di storie di straordinaria freschezza.

Streghe e draghi, principi e regine, elfi e guerrieri, orchi-muli e “bissi” sono i protagonisti di questo mondo inesistente, ma lo sono anche i pescatori antichi originari, le pastorelle, i “prearòi”, gli eremiti, gli illustri viaggiatori, le ninfe e i ribelli, i fantasmi e i letterati, i tesori e i condannati a morte, i santi e i santuari, gli zimbelli e gli scemi di guerra, i generali e i cacciatori... Sono loro gli autori delle pagine più vere - e per questo talvolta anche più crude - della storia baldense.

Il libro di Neri, Vernaccini e Marogna va a risvegliare dal sonno profondo dell’oblio proprio questo popolo di invisibili, per regalarci e regalarvi alcuni frammenti di storia umile e di vita vissuta. Storie lontane e storie vicine, storie importanti e storie piccolissime: contribuiscono con la loro evanescenza, con la loro trasparenza a farci comprendere meglio quel “Baldo che non c’è più”, nel quale però si riflette il Baldo che vediamo, tocchiamo, percorriamo, mangiamo e beviamo.
Un libro costruito con una genialità non indifferente. Prima le storie, tra cui rilucono “Il condannato a morte sfida la sorte” ambientato nel castello di Avio oppure “E finalmente arrivò la fine della guerra” a Borghetto e Avio, “Donne preziose, donne beate” a Brentonico e dintorni, “La ricetta della Quinta essenza” a Castione di Brentonico, “Il sole dell’Orsa” in località Sorne di Brentonico, “Ho visto una nave attraversare la piazza” al lago di Loppio e Mori Vecchio, “Orso nella notte” nella Grotta del Colombo di Sano, “Un merlo per amico” a Dosso di Talpina a Mori, “Il cacciatore di Marmotte” sul Monte Altissimo alla Busa Brodeghera, “La Tempesta e l’Inviolata” in località Tempesta di Torbole.

E poi altri racconti, altre favole, altre leggende fino a Brentino Belluno, Brenzone sul Garda, Torri del Benaco e Sirmione, l’affascinante San Zeno di Montagna, Caprino Veronese, Costermano e Punta Telegrafo, Cima Valdritta. Ma anche Ferrara e le rigogliose olivaie di Malcesine, una delle perle del lago più grande d’Italia.

Poi - e torniamo alla genialità - le appendici di approfondimenti culturali, naturalistici ed escursionistici.
Divise tra schede naturalistiche e ambientali, storiche a culturali vengono tracciati segmenti storici di alto profilo con immagini inedite e d’attrazione sugli argomenti trattati nella prima parte. Si torna sui giudicariesi che combatterono Maria Teresa d’Austria, sul Battaglione Lombardo dei Volontari ciclisti, sui grandi archeologi di Rovereto Paolo Orsi e Federico Halbherr nella grotta del Colombo, le stragi nazifasciste e tanto altro materiale con personaggi quali Klimt e luoghi suggestivi. Ci sono anche gli sportivi: il campione olimpico (oro nel disco a Londra nel 1978 e tre volte primatista mondiale) Adolfo Consolini al quale Costermano dedicò un monumento, la veronese saltatrice in alto Sara Simeoni, l’astista trentino Renato Dionisi e la leggenda della vela Albino Fravezzi di Castelletto, nel ?93 in giro per il mondo con il triestino Pelaschier.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy