Salta al contenuto principale

Il teatro riparte in piazza
Castelli porta "normalità"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

Prove di normalità. Con un sapore speciale e qualche effetto particolare. "La Meraviglia - Voci e storie della città sotterranea", scritto e interpretato da Andrea Castelli, è stato il primo spettacolo teatrale post-Covid aperto al pubblico. Nella serata di giovedì, infatti, nonostante la chiusura di una parte della platea a causa delle previsioni meteo che minacciavano pioggia (i posti totali sarebbero altrimenti stati 270), il Teatro Sociale di Trento si è aperto su piazza Cesare Battisti, accogliendo circa 74 spettatori sereni, felici, desiderosi di riabbracciare quella quotidianità tanto attesa e desiderata.

«Finalmente, è il caso di dirlo - ha commentato Cristina Menapace , prima arrivata all'ingresso dello spazio allestito in piazza -. Mascherina e controllo della temperatura? Sono un giusto compromesso, ma era ora di tornare alla normalità. L'estate migliorerà, ne sono sicura».
Le misure di prevenzione comunque non sono mancate, con i presenti che si sono dovuti accomodare a posti alternati, con bocca e naso coperti dall'ormai (quasi) inseparabile mascherina e dopo essersi sanificati le mani. «Un mix di emozione e curiosità, con la voglia di tornare alla normalità di prima - sottolineano Antonella Oriolo e Marco Baldessari -. È un'occasione per riassaporare il teatro, anche se al chiuso ha tutto un altro fascino, trasmette emozioni diverse. La presenza di Andrea Castelli è sicuramente un valore aggiunto, ma siamo sicuri che ci saranno altri momenti nel corso dell'estate per vivere serate come questa».

Quasi tutti esauriti i posti per lo spettacolo che, fino a domenica, animerà il centro città. Le attese degli amanti del teatro non rimarranno comunque deluse, dato che è in programma un calendario di eventi che coprirà completamente i prossimi mesi.
«Finalmente, non vedevo l'ora! - ha ribadito anche Marisa Paissan -: sono amante del teatro, ho l'abbonamento al Portland e per me questa riapertura, così come la programmazione di altri eventi, è una splendida notizia. Un ritorno alla normalità, la mascherina o la misurazione della temperatura non saranno un problema». Trento dunque si riscopre amante del teatro e delle sue continue novità, come evidenziato anche da Valeria Pedrotti : «Davvero particolare questa modalità del teatro rovesciato, c'è grande curiosità! In generale, è bello poter tornare ad assistere a uno spettacolo dopo molti mesi. Controlli e mascherine? Nessun problema, ci dovremo abituare e credo siano ancora necessarie».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy