Salta al contenuto principale

Quando a Bolzano regnava

Claudia dé Medici, la nobile

fra Toscana e Tirolo: la mostra

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 4 secondi

È stata inaugurata, nelle due sedi di Castel Mareccio e del Museo Mercantile a Bolzano, la nuova mostra temporanea «I Medici del Tirolo». Nel Salone d’onore del Palazzo è stato presentato al pubblico il Quaderno 10 della collana del museo, che accompagna la mostra e approfondisce la storia della linea tirolese Asburgo-Medici e il loro ruolo giocato in Tirolo nel Seicento.

Grazie al matrimonio tra l’arciduca Leopoldo V, reggente del Tirolo, e Claudia dè Medici la linea tirolese degli Asburgo si imparentò con l’importante casata toscana. I Medici, strettamente legati al Rinascimento, al potere e alla ricchezza, erano amanti dell’arte e grandi mecenati. Per oltre tre secoli e mezzo, prima come commercianti e banchieri, poi come arciduchi di Toscana, ressero le sorti di Firenze e, dal 1632, anche quelle del Tirolo. Dopo la morte di Leopoldo V, Claudia dè Medici governò con grande abilità e determinazione il Tirolo assieme al figlio Ferdinando Carlo.

Protagonisti della mostra ed esposti al Museo Mercantile sono due ritratti inediti di Ferdinando Carlo e della consorte Anna dè Medici, entrambi realizzati dal famoso pittore di corte fiammingo Justus Suttermans. Il mastio di Castel Mareccio ospita invece un completo armamentario storico e focalizza in particolare la Guerra dei trent’anni, il conflitto che tormentò la prima metà del XVII secolo.
«Una parte importante dell’esposizione è dedicata a Claudia dè Medici, che grazie alla concessione dei Privilegi e all’istituzione del Magistrato Mercantile può considerarsi l’anima dell’omonimo museo», spiega il Presidente della Camera di commercio di Bolzano Michl Ebner.

La mostra è aperta al pubblico fino a fine ottobre 2020.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy