Salta al contenuto principale

Anche Sorrentino ringrazia Maradona 

Il film "È stata la mano di Dio"

uscirà in sala alla fine del 2021

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

Il nome di Diego Armando Maradona è legato a miti, leggende, storie di riscatto e poesia, oltre che di declino e solitudine. Il cinema non è rimasto indifferente alla sua figura, a cominciare da "Maradona", il documentario di Emir Kusturica del 2008. Tuttavia, c'è un'altra storia che è ancora più surreale e toccante: quella di come Maradona abbia salvato la vita di un giovanissimo Paolo Sorrentino (nella foto con Toni Servillo) , portandolo a diventare il regista che è oggi.

Ossessionato da Maradona, come tutti i giovani napoletani della sua generazione, a sedici anni Sorrentino riesce finalmente – dopo molti tentativi falliti - a convincere i genitori a lasciarlo andare allo stadio a vedere il campione, anche se ciò vorrà dire restare da solo a Napoli, perché quello stesso giorno i genitori sarebbero partiti per le abituali vacanze nella casa di Roccaraso. Mentre a Napoli il giovane Paolo fremeva in attesa di vedere il suo mito, quella stessa notte i genitori moriranno nel sonno a Roccaraso a causa di una fuga di monossido di carbonio. "La Mano de Dios" ha salvato Sorrentino, il quale, di conseguenza, dedicò a Maradona il traguardo più alto da lui raggiunto nella sua vita adulta: l'oscar al miglior film straniero per "La grande bellezza".

La serie di Sorrentino "The young pope", in particolare la prima bella stagione, è in questo senso il più autobiografico fra i suoi lavori: una riflessione poetica di un giovane papa orfano, schivo e anaffettivo, ma al tempo stesso alla ricerca di un affetto mai sperimentato o forse conosciuto nell'infanzia e dimenticato, in una costante elaborazione del vuoto. In questo viaggio di crescita nell'assenza e nella solitudine, il momento più emblematico è forse quando il papa ascolta il brano di Nada che fa «E tutta la vita gira infinita senza un perché e tutto viene dal niente e niente rimane senza di te».

Questa storia, sarà oggetto del film "È stata la mano di Dio" con Toni Servillo, in uscita a fine 2021. Poco importa che quando Sorrentino ha incontrato Diego, questi l'abbia quasi snobbato perché aveva appena litigato con la fidanzata; lo stesso vale per il fatto che, saputo del film che si sta girando, Maradona abbia ipotizzato di fare causa per farsi pagare i diritti d'autore sulle sue immagini.
Questa storia di riscatto non ha infatti a che fare con il Maradona uomo, ma con il mito, i sogni e le speranze, che vincono sul nonsenso e sulla morte.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy