Salta al contenuto principale

Nelle sale «Free Solo», su Alex Honnold

Candidato agli Oscar

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

Parte da Milano il tour italiano di «Free Solo», fra i candidati agli Oscar come miglior documentario, dedicato alla straordinaria ascensione di Alex Honnold, senza corda né protezioni, a El Capitan, in California, lungo la via «Freerider».

Premiato al Festival di Banff (Best Climbing Film), con la regia di Elizabeth Chai Vasarhelyi e la fotografia di Jimmy Chin, è stato realizzato da National Geographic Documentary Films e racconta l’ascensione di Honnold (che è stato membro della giuria del Trento Filmfestival nel 2014) compiuta nel 2017 in 3 ore e 56 minuti lungo i quasi mille metri di granito della via di 7c+ aperta da Alexander e Thomas Huber. «Probabilmente la più grande impresa nella storia dell’arrampicata su roccia», aveva scritto il New York Times.

Il calendario delle proiezioni di «Free solo» è in aggiornamento, nella nostra regione prevede per ora la data di Bolzano del 6 marzo, e nei due giorni successivi due serate a Bassano del Grappa. Ed è lungo l’elenco delle città che ospiteranno il film che, nella categoria dei documentari, ha vinto un «Bafta», sorta di Oscar britannico, e un «Eddie Award» premio dell’American Cinema Editors Guild Awards.

Intanto è già iniziato il Banff Mountain Film Festival World Tour Italy 2019 che farà tappa a Rovereto il 21 marzo e il 22 a Bolzano. In programma film come Ice and Palms, di Philipp Becker, Max Kroneck, Jochen Mesle, Johannes Müller, che narra il viaggio in bicicletta dalla Germania a Nizza in cui due amici scalano e sciano su tutti i 4mila lungo il percorso, ma anche Notes from the Wall, visto l’anno scorso al Trento Filmfestival: l’ascensione di Sean Villanueva O’Driscoll, Nicolas Favresse e Siebe Vanhee alla parete est della Torre Central (Paine) in Patagonia.

Gli altri film: Choices, Dreamiride III di Mike Hopkins, girato in Nuova Zelanda, Far Out: Kai Jones, con le performance sugli sci del giovane protagonista, Reel Rock 12: Break on Through, la Patagonia di Tierra del viento e Rogue Elements: Corbet’S Couloir.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy