Salta al contenuto principale

La passione per il mandolino con Lorenzo Bernardi & Carlo Aonzo Trio al Teatro Capovolto

Venerdì 24 nuovo appuntamento live in Piazza Cesare Battisti a Trento per la rassegna proposta dal S.Chiara con il Centro Musica

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

Venerdì 24 luglio (ore 21.30), il palco del Teatro Sociale (rivolto verso Piazza Battisti) è pronto ad ospitare una serata dedicata alle magnifiche sonorità del mandolino, che avrà per protagonisti il musicista trentino Lorenzo Bernardi e il Carlo Aonzo Trio per un  concerto realizzato in collaborazione con il Centro Musica di Trento.   Nato a Trento nel ’94 e diplomato presso il Conservatorio F. A Bonporti di Trento, il chitarrista Lorenzo Bernardi sarà il protagonista della prima parte della serata, in cui, insieme a Carlo Aonzo proporrà “Le età d’Oro del Mandolino”: un omaggio alla grande tradizione musicale italiana attraverso un viaggio immaginario tra regioni, stili e secoli. Il mandolino, simbolo dell’Italia, della sua tradizione popolare, ma anche della sua cultura più alta, merita di essere conosciuto, soprattutto nel suo ruolo di strumento impegnato, raffinato, virtuoso e accademico, anche attraverso la riscoperta di autori definiti “minori”, ma che ci hanno lasciato pagine di repertorio di assoluto pregio artistico. Un progetto che vuole riscoprire e portare alla luce le sublimi pagine di musica che questo strumento ci ha donato, unendo in un mix ricco di atmosfere e sonorità, musica colta e tradizione: valori estremamente importanti del nostro Paese.  A seguire, il Carlo Aonzo Trio delizierà il pubblico con il progetto Mandolitaly.

 

Dopo “A Mandolin Journey”, viaggio attraverso i continenti, il Carlo Aonzo Trio - Carlo Aonzo al mandolino italiano, Lorenzo Piccone alla chitarra acustica e Luciano Puppo al contrabbasso - torna a viaggiare, questa volta lungo la tradizione italiana alla riscoperta della sua colonna sonora. Nuovamente protagonista il mandolino che, nel personalissimo stile moderno ed eclettico di Aonzo, rende la rilettura di questo repertorio attuale e sorprendente. Da Calace a Modugno, passando attraverso le regioni italiane e la migliore tradizione canzonettistica del Bel Paese, "Mandolitaly" spariglia le carte e getta una luce nuova sulla memoria musicale italiana: dalle internazionali "Arrivederci Roma" e "Roma nun fa la stupida stasera", ai grandi padri storici del mandolino come Carlo Munier, con un tuffo nel repertorio classico. Il tutto, come sempre, rivisitato negli arrangiamenti del Trio che prediligono la contaminazione tra diversi stili. E così "Volare" (Nel blu dipinto di blu) si lascia contaminare dalla reggae music e dai ritmi sudamericani fino ad un’intima ambientazione di carattere romantico, mentre John Coltrane viene immaginato a tarantellare fra le vie di Napoli

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy