Salta al contenuto principale

L'uomo nella botola: l'ultimo video del Bepi da Calceranica fra blob e making of

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Si chiude con un video che è una sorta di blob e dietro le quinte l'avventura del Bepi da Calceranica. <Un telefonino - spiega l'autore dei video che si cela (si fa per dire) dietro il nome di Bepi da Calceranica - un treppiede, due luci a led, un caschetto con frontalino, una piccozza e tanta fantasia. Il dietro le quinte de "L'uomo nella botola" parla chiaro. Niente effetti speciali da Hollywood, o Blue screen, ma riprese pure, con il giusto dosaggio di luci, inquadrature e trucchi di ripresa>.

 

Scenografie ad hoc quindi costruite con le "ass de l'ort" (le assi per camminare dell'orto). A questo si aggiunge una sceneggiatura ed una storyboard su fogli di carta e battute pensate in dialetto Trentino. La tecnologia ha aiutato molto, permettendo l'invio di testi e file audio ai collaboratori, indispensabili per una buona riuscita. <La maggior parte delle riprese - commenta con malcelato orgoglio il Bepi - erano "bona la prima". Riprese effettuate anche di notte, con il lockdown che favoriva anche l'audio,con "sovrumani silenzi e profondissima quiete. Anche le soundtracks sono state fatte su misura, usando strumenti e synth degli anni '80>. 

Fra le persono che hanno reso possibile la realizzazione dei video realizzati nel periodo di lockdown e disponibili su Youtube anche Nonna Nunzia (leggasi Mario Cagol)Luca Cardin nei panni dell'agente e Giuseppe D'Agostino in quelli del ferreo siciliano. Altri che hanno contribuito sono Max nei panni dell'idraulico, Marc il passante, nonché procuratore di audio da pollaio e qualche immigrato anonimo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy