Prezzi / L’emergenza

Carovita: con l’inflazione media annua all’8,6 per cento buste paga alleggerite di oltre una mensilità

A dicembre l’inflazione in Trentino torna sopra la media nazionale e sfiora il 12%. Cgil, Cisl e Uil preoccupate: “Vanno adeguate tutte le misure di welfare per recuperare l’inflazione del 2021 e del 2022”

IL REPORT Sempre più poveri in Trentino: raddoppiati in cinque anni
TRENTO Gli invisibili in città dormono anche sotto i ponti
CARITAS Trentino tra le aree con più alta incidenza di nuovi poveri
DATI In 15 anni triplicate le persone in povertà assoluta

TRENTO. Non si arresta la corsa dell’inflazione in Trentino. Dopo il rallentamento di novembre, a dicembre l’indice dei prezzi è salito del 12,3%, posizionandosi sopra la media nazionale che fa registrare un lieve calo attestandosi al 11,6%. Anche nell’ultimo mese dell’anno, a trainare gli aumenti sono ancora una volta i prezzi legati a casa e bollette che crescono del 50% rispetto ad un anno fa, insieme agli alimentari che segnano un +13,3%.

Per Cgil Cisl Uil questi dati sono allarmanti per la tenuta sociale del Trentino “Con l’inflazione media annua all’8,6% registrata nel 2022 - incalzano i segretari generali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti - le lavoratrici ed i lavoratori in Trentino di fatto hanno perso tra una e due mensilità piene. Pur contando il minimo taglio del cuneo fiscale del 2022, in termini di potere d’acquisto è come ben oltre una tredicesima non fosse mai finita nelle tasche dei lavoratori trentini”.

La perdita è netta per oltre 120mila lavoratrici e lavoratori che oggi sono privi di un rinnovo contrattuale, ma anche per tutti quelli che hanno rinnovato i contratti nel corso del 2021 gli aumenti non
garantiscono minimamente il recupero del potere d’acquisto. “Va ricordato inoltre – precisano i sindacati - che, secondo i più recenti dati Inps le retribuzioni medie annue in Trentino nel settore privato superano di poco i 20mila euro lordi.

”Quando il reddito è così contenuto - ricordano i sindacalisti - variazioni dei prezzi a due cifre per trasporti, alimenti ed energia, cioè beni di prima necessità, pesano in maniera esorbitante sui bilanci
familiari e rischiano di far scivolare in povertà migliaia di famiglie. Se poi ci aggiungiamo che l’economia sta rallentando ed aumenta la cassa integrazione, il rischio anche in Trentino è di una vera e propria
emergenza sociale”.

Tra l’altro, mentre l’inflazione è prevista ancora sostenuta anche nelle previsioni per l’anno in corso, il tasso composto dell’aumento dei prezzi per il biennio 2021-2022 registrato in Trentino supera l’11%. Un
andamento che, assieme all’aumento dei tassi di interesse, rischia di pesare come un macigno sui bilanci delle famiglie, sicuramente più che nel resto d’Italia, anche considerati i prezzi delle abitazioni in
provincia. Da qui l’allarme dei sindacati.

“E’ un anno ormai che le famiglie trentine devono fare i conti con costanti aumenti dei prezzi. Una situazione che con il passare del tempo aumenta le difficoltà di molti nuclei che devono affrontare gli incrementi degli interessi bancari con ripercussioni pesanti per chi ha mutui a tasso variabile per
la casa”, fanno notare i segretari provinciali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti che sollecitano la giunta provinciale ad adeguare tutte le misure di welfare, dall’assegno unico alle quelle per
l’edilizia abitativa.

“La prima parziale indicizzazione dell’assegno unico è stata una decisione importante che abbiamo apprezzato. Ora chiediamo alla Giunta Fugatti di fare il passo successivo: renda piena e strutturale l’indicizzazione per tutte le politiche di welfare ed agisca anche sull’adeguamento dell’indicatore Icef, come sta avvenendo a livello nazionale con l’Isee”, concludono.

comments powered by Disqus